• www.footballweb.it e’ una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli Nord
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Dedicato a Luca Alvieri

La Statistica Curiosa: il cacciatore Higuaìn, Quagliarella ex ingrato e il fattorino Medel

Condividi i nostri articoli

valerio-lauripagelleServizio di Valerio Lauri @RIPRODUZIONE RISERVATA

 


Il calcio è anche curiosità. Le statistiche sono l’unità di misura preferita dei “tecnici” del calcio. Nasce da questo presupposto “La Statistica Curiosa”: una finestra sulla giornata di Serie A appena trascorsa, che sazia la sete morbosa di numeri dei calciofili.

Il Milan porta a casa la sua 33esima vittoria in 55 sfide della massima serie col Palermo. Il primo gol fa rima con cinismo: la rete, infatti, corrisponde anche al primo tiro rossonero nello specchio della serata. Montolivo si conferma una pedina fondamentale nello scacchiere di Mihajlovic: 1 solo passaggio sbagliato sui 38 effettuati complessivamente. La gara col Palermo costituisce un’inversione di tendenza per i rossoneri: 8 tiri nello specchio, uno in più di quelli totalizzati nelle 3 uscite precedenti. Svolta che regala ai rossoneri la vittoria casalinga consecutiva numero 4, la migliore striscia del 2015 per la società di via Aldo Rossi.
L’Inter ci tiene alle tradizioni e lo dimostra a Verona: col Chievo ha sempre segnato almeno un gol in 25 delle 27 occasioni in Serie A. Il gol vittoria lo sigla Mauro Icardi: nelle ultime 6 presenze l’attaccante argentino è stato protagonista in 8 reti interiste (5 gol e 3 assist). I nerazzurri mostrano grande solidità, dovuta anche alla prestazione di Gary Medel: nel primo tempo il centrocampista cileno (adattato centrale difensivo) è un fattorino perfetto, perchè riesce a recapitare al destinatario tutti e 35 i passaggi effettuati. Serie positiva anche per la squadra di Mancini: considerando anche la passata stagione, sono 5 i successi di fila ottenuti. Non succedeva dal novembre 2012.
Fabio Quagliarella non guarda in faccia a nessuno. La Sampdoria, sua ex squadra, è la sua vittima preferita: con la doppietta di domenica sono 10 i gol segnati ai blucerchiati in carriera.
A proposito di cecchini, Gonzalo Higuain sa il fatto suo e ha una predilezione per le aquile. Il bomber argentino del Napoli, nelle 5 partite di campionato disputate contro la Lazio, ha messo a segno la bellezza di 10 reti.
Sull’altra sponda di Roma, quella giallorossa, si festeggia Francesco Totti: il capitano mette a segno la rete numero 300 con la maglia capitolina e la numero 244 in Serie A, dimostrandosi una vera bandiera.
La Juventus torna alla vittoria e lo fa (anche) con un rigore: lo trasforma Paul Pogba ed è la sua prima marcatura dal dischetto in Serie A. La Juve è anche la squadra che ha subito meno tiri nella quarta giornata del campionato: solo 7.
Il gol che non ti aspetti arriva a Bergamo e illude l’Atalanta, prima del pareggio del Verona: Maxi Moralez, a dispetto del suo metro e sessanta, incorna e mette a segno la sua 18esima marcatura in Serie A, la prima di testa.
E’ una Fiorentina cinica e concentrata, quella che si porta al terzo posto. Nelle prime frazioni di questo campionato, la squadra viola non ha mai subito gol, segno di grande attenzione. Con quella sul Carpi, diventano 8 le vittorie raggiunte nelle ultime 9 gare in campionato.
Chiudiamo con una nota di merito tutta Made in Italy: i giocatori ad aver creato più occasioni da gol (assist inclusi) nelle prime 4 giornate sono Insigne e Saponara (13 a testa).

(Statistiche OPTA)

Twitter: @Val_CohenLauri

About Valerio Lauri 761 Articoli
Nato nella Nola di Giordano Bruno e cresciuto a pane e calcio. Amante della parola scritta, evasione dalle indigestioni di matematica e informatica universitarie. Appassionato di musica a 360 gradi e lettura, nostalgico ma teso alle novità.

Commenta per primo

Lascia un commento