18 Luglio 2024
  • www.footballweb.it e’ una testata giornalistica
  • registrata presso il Tribunale di Napoli Nord –
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
  • Direttore Responsabile: Michele Pisani

Chi ha ‘ucciso’ la passione per il calcio ad Avellino?

Views: 2

Tre è il numero perfetto. Lo dicono in tanti, lo dice…Dante. In nove anni il calcio ad Avellino ha vissuto momenti davvero senza precedenti. Due fallimenti, anzi no. Uno solo. Il presunto secondo? Stanno ancora cercando la fideiussione rumena. Ma e a quanto pare al peggio non c’è mai fine. Si riparte dai dilettanti, con fatica vinciamo (si, se non lo avete capito sono un tifoso del Lupo da sempre) il campionato e riecco l’incubo che riappare. Un fulmine a ciel sereno? Non è la prima volta. Rieccoci con le solite, angoscianti, domande: Che fine faremo? Scompariamo? No, si riparte. Serie C a risparmio, forse. Arrivano le Pec? Tutti vogliono l’Avellino ma nessuno ci vuole mettere i soldini. Altro classico, condito da una interminabile lista di ‘te l’avevo detto’. Giornalisti e presunti tali che prima si schierano da una parte ma in batter d’occhio li ritrovate sulla sponda opposta. Pressapochisti e doppiogiochisti. Avellino è obiettivamente una città molto strana. Non lo dico solo io e questa cosa, in parte, mi tranquillizza. Ad Avellino trovi sempre qualcuno che sa fare una cosa meglio di te. In quale settore? Tutti, anche nel calcio. Tutti allenatori ma e la cosa in un certo senso più grave, tutti presidenti. Si, tutti presidenti. Il calcio ad Avellino ha visto, negli ultimi anni, più presidenti che tifosi. Ad Avellino parlano tutti di calcio, anche chi non potrebbe e non dovrebbe visto le precedenti figuracce rimediate. Ma si sa ed anche bene che “Chi nun téne curaggio nun se còcca che’ e femmene belle”. Rieccoli, puntuali con nuovi amici e ritrovati nemici. Un classico. L’Avellino annovera tra le sue fila, il capo tifoso più tifoso di tutti, il competente più competente di tutti, il giornalista più giornalista di tutti. Bene, bravi e bis. Ma intanto il calcio, inesorabilmente, muore anche ad Avellino. Negli anni passati molti giocatori (ne ho le prove) mi hanno detto che si poteva fare bene con la maglia biancoverde in quanto si respirava solo calcio, dalla mattina alla sera e per tutta la settimana. Adesso, invece, anche l’amore per questi colori è malato, malato di protagonismo. Chi ha ‘ucciso’ la passione del calcio ad Avellino? Non lo so. Non sono cosi’ presuntuoso ma una cose è certa: Mi avete fatto passare la voglia di andare allo stadio.

About Michele Pisani 2906 Articoli
Giornalista sportivo, iscritto all'albo dopo una lunghissima gavetta. Una passione malcelata per la Formula Uno.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.