18 Luglio 2024
  • www.footballweb.it e’ una testata giornalistica
  • registrata presso il Tribunale di Napoli Nord –
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
  • Direttore Responsabile: Michele Pisani

Salvatore Bagni

Salvatore Bagni

Views: 14

“Persi mio figlio quando non aveva compiuto nemmeno 3 anni: era il 3 ottobre 1992, in un incidente stradale. Io ero alla guida della mia Mercedes, fu decapitato dallo scoppio dell’airbag.
Il percorso per risollevarmi da quel dramma è stato lungo, complicato e forse mai definitivamente compiuto.
Se ho mai pensato a un altro figlio dopo la sua morte? Non ci sarebbe stato nulla e niente che avrebbe potuto sostituirlo, io e mia moglie Letizia ne eravamo convinti. E così presi una decisione. All’epoca non era neanche legale, però fui determinatissimo: non avrei voluto altri figli neanche per errore.
Così poco tempo dopo l’incidente mi ricoverai in una clinica a Ravenna, per sottopormi a un intervento di sterilizzazione.
Io e Letizia affrontammo lo stesso dolore in due modi differenti. Io l’ho convinta a “vivere la vita”.
Purtroppo convivo col dolore di non poter andare a piangere sulla bara di mio figlio: la salma fu trafugata dal cimitero.
Mi lasciarono la foto della bara sul parabrezza dell’auto in un giorno di nebbia, sembrò tutto così assurdo. Un mese con i carabinieri in casa, aspettando una telefonata. Vi fu solo silenzio.
Io penso che Raffaele ci sia, ogni giorno, il problema non è quel corpo che non è più al cimitero perché io ho fede.
Sono trascorsi tanti anni, ancora spero che un giorno qualcuno di quei rapitori, perché saranno stati almeno quattro per mettere a segno quella cosa orribile, dica cosa accadde”.
Tanti auguri a Salvatore Bagni
Fonte: gazzetta dello sport
About Redazione 10591 Articoli
Redazione Footballweb. Inviaci i tuoi comunicati alla mail: footballweb@libero.it (in alternativa sulla pagina Facebook) e provvederemo noi a pubblicarli. La redazione non si assume la responsabilità circa le dichiarazioni rilasciate nei comunicati pervenuti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.