18 Luglio 2024
  • www.footballweb.it e’ una testata giornalistica
  • registrata presso il Tribunale di Napoli Nord –
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
  • Direttore Responsabile: Michele Pisani

Ronaldo: Il Fenomeno

Ronaldo: Il Fenomeno

Views: 2

Ronaldo Luís Nazário de Lima, può essere considerato senza alcun dubbio il vero Fenomeno, del calcio mondiale. E’ stato un giocatore fenomenale, velocissimo, tecnico, potente, dribblomane per antonomasia, classe pura al 100×100 e forte anche di testa. Per un periodo della sua carriera è stato considerato il più forte calciatore di tutti i tempi, prima che un brutto infortunio, ne limitasse le capacità tecniche e lo ridimensionasse. Vari e ripetuti, sono stati i suoi goal, dove scartava una serie di giocatori, in scioltezza e poi metteva la palla in rete. In Spagna, fece le fortune di Barcellona e Real Madrid. In Olanda del Psv, in Italia di Inter e Milan vincendo ovunque qualcosa, trofei importanti. Con la maglia della nazionale brasiliana, è stato campione del mondo due volte, ossia nel 1994 (senza mai giocare) e nel 2002 da assoluto protagonista, ai Mondiali Nippo-coreani. Secondo a Francia 98, dove il suo Brasile perse malamente in finale, con la Francia, organizzatrice dell’evento. Il Fenomeno, anche in quel mondiale, fece grandi cose, ma un uso smodato di un medicinale, lo limitò nella finale. Una serie di infortuni postumi a quel mondiale del 1998, lo limitarono, ma la sua stella brillò ancora per molti anni, luminosa con molti successi e goal stupendi.

Nato a Rio de Janeiro, è un ex calciatore brasiliano. Attaccante di PSV, Barcellona, Inter, Real Madrid e Corinthians, qui nel 2011 conclude la carriera.

Ronaldo Luís Nazário de Lima, queste le generalità complete, ha nel suo palmarès numerosi trofei e scudetti, tra i quali la Coppa UEFA con l’Inter nel 1997/98.
Il Fenomeno (il suo più celebre soprannome) è nella lista FIFA 100, stilata da Pelé nel 2004, dei 125 migliori calciatori viventi. Vince il Pallone d’oro nel 1997 e 2002. Con la Nazionale verdeoro gioca 98 volte, segnando 62 reti. Partecipa ai Mondiali del 1994 (senza scendere in campo), del 1998 (secondo posto), del 2002 (campione del mondo) e del 2006 (Brasile eliminato ai quarti dalla Francia).

Con 15 reti in 19 partite, nelle fasi finali della massima competizione calcistica è secondo nella speciale classifica dei marcatori, guidata, dopo Russia 2018, da Miroslav Klose (con 16 reti); al terzo posto un altro tedesco, Gerd Müller (14). Al 14° posto con 9 reti anche tre italiani: Christian Vieri, Paolo Rossi e Roberto Baggio.

About Redazione 10591 Articoli
Redazione Footballweb. Inviaci i tuoi comunicati alla mail: footballweb@libero.it (in alternativa sulla pagina Facebook) e provvederemo noi a pubblicarli. La redazione non si assume la responsabilità circa le dichiarazioni rilasciate nei comunicati pervenuti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.