18 Luglio 2024
  • www.footballweb.it e’ una testata giornalistica
  • registrata presso il Tribunale di Napoli Nord –
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
  • Direttore Responsabile: Michele Pisani

News calcistiche

News calcistiche

Views: 15

Serie A, Empoli-Inter 0-1: i nerazzurri fanno cinque su cinque con Dimarco

Il lunch match della quinta giornata di Serie A vede l’Inter vincere 1-0 sul campo dell’Empoli: con questo successo, Inzaghi resta a punteggio pieno in vetta alla classifica. A decidere la sfida del Castellani è Dimarco, che al 51′ fa partire un favoloso sinistro sotto l’incrocio dei pali che batte Berisha e consente ai nerazzurri di volare a +3 sul Milan e a +5 sulla Juventus. Quinto ko per i toscani, Andreazzoli riparte con una sconfitta.
LA PARTITA
E sono cinque: l’Inter fa bottino pieno anche nel suo primo lunch match stagionale e batte 1-0 l’Empoli con la perla di uno degli ex della sfida, Federico Dimarco. I nerazzurri, al Castellani, partono forte e assediano subito la difesa di Andreazzoli, al quarto debutto sulla panchina dei toscani, con le conclusioni dalla distanza di Calhanoglu e Frattesi (in campo dal primo minuto al posto di Barella), ma la più grande occasione del primo tempo capita sul colpo di testa di Darmian, con Ismajli bravo a salvare sulla linea di porta. Nella frazione d’apertura dei nerazzurri, anche un gol annullato giustamente a Thuram per fuorigioco. Col passare dei minuti, però, i padroni di casa prendono le misure alla capolista, rischiando meno e osando di più: il risultato è lo 0-0 dell’intervallo.

La sensazione è che per sbloccare il match serva un episodio, che arriva al 51′: pallone allontanato da calcio d’angolo e Dimarco, con il sinistro, mette il pallone sotto l’incrocio dei pali aprendo le marcature con un eurogol. Al 72′, arrivano i primi cambi per Inzaghi, che inserisce De Vrij, Barella e Arnautovic per Bastoni, Frattesi e Lautaro, mentre Andreazzoli cambia due terzi del centrocampo inserendo Fazzini e Grassi. Al 78′, Thuram rischia di replicare la prodezza con il Milan, ma stavolta il suo destro finisce di poco alto sopra la traversa. Brividi finali per i nerazzurri: l’austriaco ex Bologna si fa male (distrazione muscolare ai flessori della coscia sinistra da valutare nei prossimi giorni) e lascia i suoi in dieci, ma il fortino regge. L’Inter sale dunque a 15 punti sui 15 a disposizione e firma la prima minifuga stagionale: è a +3 sul Milan e a +5 sulla Juventus. Ancora 0 punti e 0 gol per l’Empoli, ma la sensazione è che la prima di Andreazzoli sia comunque positiva.

Serie A, sorriso Fiorentina e Atalanta: 2-0 e zona Europa
Tre punti pesanti per la zona alta della classifica per Fiorentina e Atalanta, entrambe vittoriose per 2-0. I nerazzurri senza problemi contro il Cagliari a Bergamo: primo tempo con il gol di Lookman su assist di De Ketelaere. Nella riresa la chiude Pasalic. I viola soffrono molto a Udine, Terracciano è prodigioso in uscita su Thauvin al 21′ ma poi Martinez Quarta segna il gol ospite e nella ripresa prima Lucca si divora il pari, poi ancora Terracciano blinda la sua porta e il solito Jack bonaventura da fuori sigla lo 0-2. Viola quarti a 10 punti assieme alla Juve.

 

Il Napoli si ferma anche a Bologna, furia Osimhen con Garcia
Terza partita di fila senza vittorie in campionato per il Napoli, che si ferma sullo 0-0 a Bologna. Protagonista in negativo Osimhen: palo e rigore sbagliato per il nigeriano, furioso con Garcia al momento della sostituzione. Anche Kvaratskhelia non nasconde, nuovamente, la delusione per il cambio. Partenopei già a -7 dall’Inter capolista.

Serie A, vincono Atalanta e Fiorentina: crisi nera per Cagliari e Udinese
Sono terminati i match delle 15 validi per la quinta giornata di Serie A.
ATALANTA-CAGLIARI – Secondo successo casalingo in due gare per l’Atalanta. La formazione di Gian Piero Gasperini ha superato 2-0 il Cagliari al Gewiss Stadium grazie alle reti realizzate da Lookman e Pasalic. Ancora a secco di vittorie la squadra di Claudio Ranieri che fatica a trovare la via del gol. Al 22’ Lookman scappa sulla corsia di sinistra e mette al centro dell’area un pallone che De Ketelaere può solo spingere in porta ma il gioco è fermo per un’evidente posizione irregolare di partenza del numero 11 nerazzurro. Alla mezz’ora della ripresa il lampo che porta al raddoppio la formazione bergamasca: dialogo fra Pasalic e Muriel e lancio del colombiano per il croato che calcia in diagonale con il pallone che dà un bacino al palo ed entra in rete.

UDINESE-FIORENTINA – Alla Dacia Arena la Fiorentina batte 2-0 l’Udinese. Apre le marcature viola il gol segnato alla mezz’ora da Martinez Quarta, negli insoliti panni dell’attaccante di inserimento e su lancio da sogno di Bonaventura. . Raddoppia sul gong la Fiorentina: gran conclusione di Bonaventura che raccoglie una palla in uscita dall’area di rigore e, con un destro a giro di prima intenzione, lascia di sasso Silvestri e fa calare il sipario sul match.

Garcia a Dazn: “Il lato negativo è il risultato. Sfogo Osimhen? Gli ho parlato, restano cose da spogliatoio. Sugli obiettivi…”
L’analisi di Rudi Garcia, tecnico del Napoli, ai microfoni di Dazn dopo il pari con il Bologna: “Il lato negativo è il risultato, la prestazione è stata buona soprattutto nel primo tempo. Natan ha fatto una gara di sicurezza, non prendere gol con una difesa nuova è sempre una buona cosa. Se la palla finisce sul palo o se abbiamo il rigore e non lo segniamo allora diventa difficile vincere. Così è il calcio, la squadra ha fatto una partita seria. Non siamo contenti perché ci manca il gol e la vittoria. Il rigore sbagliato succede ai più grandi calciatori, ad Osimhen ho parlato per la sua uscita ma rimangono cose da spogliatoio”.

Come mai ha cambiato la coppia d’attacco nella ripresa? “Hanno fatto bene tutti e due ma abbiamo anche tanta qualità dalla panchina, ho ancora Lindstrom e quando abbiamo tanta qualità non è che facciamo tutte le partite con gli stessi uomini soprattutto perché giochiamo tra tre giorni giocando quatto gare in nove giorni. C’è la squadra che inizia e quella che continua nel secondo tempo, se non conto su tutti i ragazzi non andiamo da nessuna parte”.

Preoccupano le reazioni così ai cambi? “Meglio quando uno esce e non è contento, posso anche non essere contenti della loro prestazione. Ho tanti giocatori e vanno usati tutti. Abbraccio con Kvara? Abbraccio tutti i miei giocatori”.
Questo Napoli non è sempre in partita nei novanta minuti? “Siamo stati un po’ meno bravi nel palleggio anche se nel secondo tempo abbiamo alzato la possibilità di far gol ottenendo il rigore. Eravamo anche fuori casa, c’è una squadra di fronte”.

L’obiettivo di questa stagione? “Una squadra come il Napoli deve giocare sempre in Champions, non siamo tra i primi quattro e non possiamo essere contenti. Non c’è nemmeno da buttare tutto, la squadra ha fatto una buona partita e dobbiamo essere fiduciosi per il futuro”.

Preoccupati dal distacco dalla vetta? “Dobbiamo vincere mercoledì e una volta vinto la prima gara fare una striscia di vittorie, se la fai torni in alto in classifica. Bisogna solo iniziare a farlo”.

CLASSIFICA – Napoli già lontanissimo dalla vetta: Inter a +7
Ancora una battuta d’arresto per il Napoli che non va oltre lo 0-0 contro il Bologna, nonostante un calcio di rigore a favore (fallito da Osimhen). Gli azzurri sono al momento a 8 punti, a -7 dalla capolista Inter. I felsinei salgono invece a quota 6. Di seguito la classifica aggiornata:

Inter 15
Milan 12
Lecce 11
Juventus 10
Fiorentina 10
Atalanta 9
Frosinone 8
Napoli 8
Torino 7*
Verona 7
Sassuolo 6
Bologna 6
Monza 5
Roma 4*
Lazio 4
Genoa 4
Udinese 3*
Salernitana 3
Cagliari 2*
Empoli 0

*Una partita in meno

Fiorentina, Italiano: “Prestazione non entusiasmante, ma serve fare punti”
“Il risultato va bene, a inizio stagione è importante mettere punti a una classifica che conta tanto. Non abbiamo fatto una partita entusiasmante, ma abbiamo visto che i ragazzi sanno soffrire. Bisognava portare a casa il risultato e siamo stati bravi a farlo”

Atalanta, Gasperini: “Soddisfatto del primo tempo”
“Nel primo tempo abbiamo fatto molto bene, la miglior prestazione della stagione. Ci sono state belle giocate, tante tiri. Nel secondo c’è stato un calo, siamo usciti di nuovo nel finale, anche nelle difficoltà siamo usciti bene. Il primo tempo mi dà grande soddisfazione”

Lazio, Sarri ammette: “Passivi, abbiamo difficoltà”
La Lazio non va oltre il pari contro il Monza all’Olimpico. Al gol di Immobile dal dischetto risponde Gagliardini e i biancocelesti raccolgono appena 1 punto nella sfida contro i brianzoli. Non riesce a recuperare terreno la squadra di Maurizio Sarri, che al termine della gara è intervenuto ai microfoni di Sky per analizzare la prestazione della sua squadra. Queste le parole del tecnico biancoceleste. “Se è un punto meritato? Nel tratto di partita fra il nostro 1-0 e l’1-1 sì, siamo stati passivi. Poi nel secondo tempo la partita si è riaperta di più e abbiamo avuto qualche buona occasione anche noi. Siamo in un momento in cui non ci vengono bene tante cose, ma è difficile pensare di uscire da questo momento negativo in modo secco e veloce. Abbiamo fatto un tratto di partita neanche male però dobbiamo fare di più. In questo momento abbiamo difficoltà a fare di meglio.

About Redazione 10591 Articoli
Redazione Footballweb. Inviaci i tuoi comunicati alla mail: footballweb@libero.it (in alternativa sulla pagina Facebook) e provvederemo noi a pubblicarli. La redazione non si assume la responsabilità circa le dichiarazioni rilasciate nei comunicati pervenuti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.