20 Luglio 2024
  • www.footballweb.it e’ una testata giornalistica
  • registrata presso il Tribunale di Napoli Nord –
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
  • Direttore Responsabile: Michele Pisani

News calcistiche

News calcistiche

Views: 23

La doppietta di Ranieri non basta alla Fiorentina: 2-2 col Genk
Debutto negativo per la Fiorentina nei gironi di Conference League: i viola non vanno oltre il 2-2 in casa del Genk in un match in cui sono decisive le palle inattive. La doppietta di Ranieri (7′ e 23′) arriva infatti su calcio d’angolo, così come il definitivo pareggio di McKenzie (85′). A segno anche Zeqiri (12′), con il brivido nel finale del palo di Arokodare. E Italiano perde Nico Gonzalez, costretto ad uscire all’intervallo per infortunio.

Lukaku trascina la Roma: 2-1 allo Sheriff Tiraspol
La Roma ha battuto 2-1 lo Sheriff Tiraspol nella prima giornata del Gruppo G di Europa League. In Moldavia, in una partita giocata sottoritmo da entrambe le squadre e con poche emozioni, la formazione di Mourinho (in tribuna, squalificato) dopo aver rischiato di andare sotto per il palo colpito da Mbekeli ha sbloccato il match al 49′ del primo tempo con una punizione di Paredes. Al 57′ lo Sheriff di Bordin ha trovato il pari sugli sviluppi di corner con Tovar, ma al 65′ – poco dopo l’ingresso di Dybala in campo – Lukaku ha firmato la rete della vittoria.

Baroni e il Verona sfidano il Milan: “Le partite più belle da giocare…”
Marco Baroni è alle prese con tanti punti interrogativi in vista della gara con il Milan. Contro i rossoneri non ci sarà Doig. Lo scozzese dovrà rimanere ai box per almeno un mesetto per la distorsione alla caviglia rimediata nella partita con il Bologna. Sotto osservazione anche Folorunsho uscito anzitempo per una contusione al fianco. Recuperati Magnani e Dawidowicz.
Allenamento pomeridiano a Peschiera oggi, domani mattina rifinitura tecnica a porte chiuse. “Il Milan è una squadra forte e lo dimostrerà. Io lo dico ai giocatori, queste sono le partite più belle da giocare. Noi ci stiamo preparando, sono gare da affrontare con umiltà. Non possiamo fare una partita di attesa, serve coraggio e consapevolezza” ha detto il tecnico in conferenza stampa.

Ufficiale: Montella nuovo ct della Turchia
Vincenzo Montella riparte da una nazionale. L’ex tecnico dell’Adama Demirspor ha firmato con la Turchia come commissario tecnico fino al 2026.

Napoli: col Bologna out Rrhamani e Cajuste
Era sempre Champions. E in trasferta, a Salisburgo. Il Capitano segna e corre verso la panchina. E l’abbraccio è forte. È generale. Era Lorenzo, senza il Di però. Lorenzo Insigne e Ancelotti. Un altro Napoli e anche un’altra storia. Però l’immagine vista ieri sera contro il Braga è lì che porta… a un altro capitano, Di Lorenzo. E alla voglia di unire tutti, al gruppo. Di dare un segnale di compattezza; in un momento che un po’ si è fatto pesante. E nessuno lo nasconde. I paragoni con il passato, le aspettative, la ricerca di una bellezza estetica che a Napoli è diventata ormai una necessità. E poi la discontinuità dentro la stessa partita, dei singoli e della squadra tutta, la fase difensiva da sistemare e poi lì davanti, dove è uno spreco continuo. La vittoria porta luci. I punti, i soldi della Champions, il debutto di Natan e i segnali. Appunto. Quelli cercati e quelli arrivati… Bene così. Ma il Napoli sa che può fare meglio a cominciare dalla prossima in campionato.

Il Napoli ripartirà in campionato dal Bologna, per Garcia da esludere la possibilità di utilizzare Rrhamani e Cajuste (nella foto) che alla ripresa hanno fatto solo terapie. Domani verranno effettuati degli esami strumentali per definire meglio i tempi di recupero. Più delicata sembra essere la situazione del difensore centrale uscito dopo soli 13 minuti nella partita di Braga.

Monza: riecco Donati, contratto per un altro anno
Il Monza ci ripensa e annuncia il ritorno del 33enne Giulio Donati, protagonista due stagioni fa della promozione in A, il cui contratto era scaduto in estate. Ha firmato fino al prossimo giugno. Ricordiamo che i giocatori senza contratto possono firmare fino al 13 dicembre.

D’Aversa avverte il Lecce: “Col Genoa uno scontro salvezza”
Uno splendido inizio di stagione culminato con il premio di “Coach of the month” di agosto della Lega Serie A.Ma Roberto D’Aversa sa che il suo Lecce, nonostante otto punti in quattro giornate, deve continuare a macinare gioco e risultati per centrare l’obiettivo minimo della permanenza in Serie A. Prossimo avversario il Genoa, in uno scontro diretto che può dire molto sul prosieguo della stagione. “La partita di domani sarà molto difficile – ha detto D’Aversa nella conferenza stampa di vigilia -. Il Genoa ha dimostrato di essere una squadra importante e lo abbiamo visto contro il Napoli. Loro fanno molta densità in fase difensiva. Scenderemo in campo per dare tutto ma con il massimo equilibrio. Per noi è uno scontro salvezza, dobbiamo ragionare sulla centralità del match senza caricarlo troppo. È una partita fondamentale per il nostro percorso”.

Vagnati fa le carte al Toro: “Sazonov studia l’italiano, felici per Buongiorno”
Il direttore tecnico del Torino, Davide Vagnati, ha fatto il punto in conferenza stampa del mercato della squadra granata.

Su Sazonov: “Anche quando è venuto per la firma del contratto, Sazonov era vestito così elegante e su questo scherzo con lui. E’ un ragazzo molto intelligente, si è già messo a studiare l’italiano, quando era con la sua nazionale faceva le videochiamate con la nostra professoressa per imparare la lingua. Verso aprile, maggio, suo papà era venuto a Torino per vedere le nostre strutture, abbiamo poi avuto modo di parlarci in videochiamata. Questo per dire che lo seguivamo da tempo, poi è arrivato alla fine per una serie di motivi ma era da un po’ che lo seguivamo”.

Sulla trattativa per Buongiorno: “C’è stata una richiesta di un club, più volte ci hanno chiesto il giocatore, noi abbiamo semplicemente chiesto ad Alessandro cosa preferiva fare. Alessandro in maniera semplice ci ha detto che voleva pensarci una notte e poi ha detto che non voleva andare. Non c’è stata nessuna forzatura, né da una parte né dall’altra: era giusto che il ragazzo fosse a conoscenza della proposta che ci era stata fatta ma siamo molto contenti così”.

Sul fatto che Buongiorno non sia stato incedibile: “Abbiamo la fortuna di avere un presidente che non ha fatto nessun tipo di cambio di strategia, potevamo fermare lì il mercato e prendere altri giocatori. C’era un’offerta importante per Buongiorno ma ho spiegato come è andata, il presidente non ha fatto richieste particolari, Alessandro ha deciso di rimanere e siamo contenti così“.

Sul fatto che Buongiorno sarebbe stato ceduto a fine mercato: “Purtroppo questo è un problema che abbiamo noi che facciamo questo lavoro, purtroppo il mercato è troppo lungo. Si gioca il campionato e nel frattempo c’è il mercato, negli ultimi giorni possono arrivare anche offerte importanti per giocatori importanti. Questo è un tema che mette in difficoltà anche gli allenatori, non è semplice allenare giocatori che vanno in campo con il telefonino per aspettare una chiamata dall’agente. Per l’eventuale sostituto di Buongiorno, il lavoro nostro è quello di avere il maggior numero di giocatori prendibili”.

Sulla squadra: “La squadra è più forte dell’anno scorso? Purtroppo nel calcio ogni giorno ne succede una, tra infortuni, rigori non dati, sfortuna ecc. Noi pensiamo di aver allestito una buona squadra, una squadra che deve ogni giorno lavorare, che deve cercare di aumentare di un centimetro per migliorarsi e penso che lo stiano facendo. Questa è la cosa più importante. Se siamo bravi a essere sempre concentrati a e seguire il mister, penso che potevo fare una buona stagione”.

Il direttore tecnico del Torino, Davide Vagnati, ha fatto il punto in conferenza stampa del mercato della squadra granata.

Su Sazonov: “Anche quando è venuto per la firma del contratto, Sazonov era vestito così elegante e su questo scherzo con lui. E’ un ragazzo molto intelligente, si è già messo a studiare l’italiano, quando era con la sua nazionale faceva le videochiamate con la nostra professoressa per imparare la lingua. Verso aprile, maggio, suo papà era venuto a Torino per vedere le nostre strutture, abbiamo poi avuto modo di parlarci in videochiamata. Questo per dire che lo seguivamo da tempo, poi è arrivato alla fine per una serie di motivi ma era da un po’ che lo seguivamo”.

Sulla trattativa per Buongiorno: “C’è stata una richiesta di un club, più volte ci hanno chiesto il giocatore, noi abbiamo semplicemente chiesto ad Alessandro cosa preferiva fare. Alessandro in maniera semplice ci ha detto che voleva pensarci una notte e poi ha detto che non voleva andare. Non c’è stata nessuna forzatura, né da una parte né dall’altra: era giusto che il ragazzo fosse a conoscenza della proposta che ci era stata fatta ma siamo molto contenti così”.

Sul fatto che Buongiorno non sia stato incedibile: “Abbiamo la fortuna di avere un presidente che non ha fatto nessun tipo di cambio di strategia, potevamo fermare lì il mercato e prendere altri giocatori. C’era un’offerta importante per Buongiorno ma ho spiegato come è andata, il presidente non ha fatto richieste particolari, Alessandro ha deciso di rimanere e siamo contenti così“.

Sul fatto che Buongiorno sarebbe stato ceduto a fine mercato: “Purtroppo questo è un problema che abbiamo noi che facciamo questo lavoro, purtroppo il mercato è troppo lungo. Si gioca il campionato e nel frattempo c’è il mercato, negli ultimi giorni possono arrivare anche offerte importanti per giocatori importanti. Questo è un tema che mette in difficoltà anche gli allenatori, non è semplice allenare giocatori che vanno in campo con il telefonino per aspettare una chiamata dall’agente. Per l’eventuale sostituto di Buongiorno, il lavoro nostro è quello di avere il maggior numero di giocatori prendibili”.

Sulla squadra: “La squadra è più forte dell’anno scorso? Purtroppo nel calcio ogni giorno ne succede una, tra infortuni, rigori non dati, sfortuna ecc. Noi pensiamo di aver allestito una buona squadra, una squadra che deve ogni giorno lavorare, che deve cercare di aumentare di un centimetro per migliorarsi e penso che lo stiano facendo. Questa è la cosa più importante. Se siamo bravi a essere sempre concentrati a e seguire il mister, penso che potevo fare una buona stagione”.

Gilardino carica il Genoa: “Ripetiamo la gara col Napoli anche a Lecce”
Alberto Gilardino ha parlato alla vigilia di Lecce-Genoa, valida per la quinta giornata di Serie A in programma domani venerdì 22 agosto alle 20:45.

L’allenatore dei grifoni è tornato sull’ottima prestazione offerta dai suoi ragazzi contro il Napoli e si è proiettato alla sfida contro i salentini, rivelazione di questo inizio di campionato con sette punti in quattro partite che hanno permesso a D’Aversa di vincere il titolo di allenatore del mese.

Parole d’elogio per il Lecce da parte di Gilardino: “Sono quarti in classifica, una squadra plasmata nel modo giusto da D’Aversa, tecnico di valore, e dal direttore Corvino che conosco molto bene. Hanno dato continuità nell’identità di squadra. hanno gamba, forza e individualità importanti. Noi ci siamo preparati in questi giorni mantenendo l’autostima molto alta. Quello che di buono abbiamo fatto col Napoli o dobbiamo portare a Lecce. Tutto passerà dai soliti principi e dalla nostre prerogative in questo campionato: atteggiamento e prestazione”.

Su De Winter Gilardino ha aggiunto: “Ha fatto una buonissima gara, come tutti. Come Koni, quelli che hanno trovato poco spazio devono allenarsi a duemila. Iniziamo domani un percorso dove tutti dovranno essere pronti e dentro la squadra. Il daulismo Vasquez-Martin? Sono due giocatori con caratteristiche diverse. Vasquez nella difesa a tre può giocare da braccetto, in una difesa a quattro può giocare da centrale o da terzino. Martin può giocare da terzino a quattro o da esterno a cinque. Sono valutazioni che faccio a seconda della squadra che andiamo ad affrontare”.

Europa League, i finali delle 18:45: il Liverpool la ribalta, poker Leverkusen. Ko Villarreal
Il Liverpool ribalta la gara e batte il LASK nel secondo tempo di Europa League. Nelle gare delle 18:45 perde il Villarreal contro il Panathinaikos, mentre è tutto facile per il Bayer Leverkusen ed il Rennes. Bene la Roma, che batte 2-1 lo Sheriff Tiraspol in trasferta, mentre finisce in parità il match tra Union SG e Tolosa. Di seguito tutti i risultati:
LASK – Liverpool 1-3
(14′ Flecker (LA), 56′ Nunez su rigore (LI), 63′ Diaz (LI), 88′ Salah (LI))
Bayer Leverkusen – Hacken 4-0
(10′ Wirtz, 16′ Adli, 66′ Boniface, 70′ Hofmann)
Panathinaikos – Villarreal 2-0
(38′ Ioannidis, 78′ Sporar)
Qarabag – Molde 1-0
(56′ Leandro Andrade)
Rennes – Maccabi Haifa 3-0
(1′ Blas, 31′ Truffert, 55′ Yildirim)
Union SG – Tolosa 1-1
(45’+2′ Dallinga su rigore (T), 69′ Amoura (U))
Sheriff Tiraspol – Roma 1-2
(45’+4′ Paredes (R), 57′ Tovar (S), 65′ Lukaku (R))
Servette – Slavia Praga 0-2
(32′ Masopust, 59′ Ogbu)

Conference, i risultati delle 18:45: Aston Villa ko, harakiri AZ. Ok Ferencvaros e Fenerbahce
Sono finite tutte le partite iniziate alle 18:45 di Conference League con alcuni risultati davvero sorprendenti, a partire dalla vittoria dello Zrinjski in casa contro l’AZ Alkmaar dopo essere stato sotto 3-0 al 45′. Ok anche Fenerbahce e Eintracht Francoforte, mentre ha pareggiato la Fiorentina contro il Genk. Nel girone dei viola bene il Ferencvaros di Stankovic, che liquida 3-1 il Cukaricki. Di seguito tutti i risultati:

Fenerbahce – Nordsjaelland 3-1
(24′ Crespo (F), 30′ Batshuayi (F), 47′ Aziz (F), 55′ Villadsen (N))
Ferencvaros – Cukaricki 3-1
(26′ Ivanovic (C), 44′ Varga (F). 45’+7′ Owusu (F), 79′ Pesic (F))
Eintracht Francoforte – Aberdeen 2-1
(11′ Marmoush su rigore (E), 22′ Polvara (A), 61′ Koch (E))
Genk – Fiorentina 2-2
(7′ Ranieri (F), 12′ Zeqiri (G), 23′ Ranieri (F), 85′ McKenzie (G))
HJK – PAOK 2-3
(36′ Bande (H), 55′ Koulierakis (P), 81′ Despodov (P), 94′ Thomas (P), 99′ Radulovic (H))
Legia – Aston Villa 3-2
(3′ Wszolek (L), 6′ Duran (A), 26′ Muci (L), 39′ Digne (A), Muci (L))
Ludogorets – Trnava 4-0
(46′ Yordanov, 51′ Piotrowski, 63′ Piotrowski, 94′ Rwan Seco)
Zrinjski – AZ Alkmaar 4-3
(10′ Van Brederode (A), 32′ Mijnans (A), 44′ De Wit (A), 48′ Kozulj (Z), 68′ Corluka (Z), 71′ Hrvanovic (Z), 81′ Kozulj (Z))

About Redazione 10591 Articoli
Redazione Footballweb. Inviaci i tuoi comunicati alla mail: footballweb@libero.it (in alternativa sulla pagina Facebook) e provvederemo noi a pubblicarli. La redazione non si assume la responsabilità circa le dichiarazioni rilasciate nei comunicati pervenuti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.