20 Luglio 2024
  • www.footballweb.it e’ una testata giornalistica
  • registrata presso il Tribunale di Napoli Nord –
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
  • Direttore Responsabile: Michele Pisani

Milan, digiuno di vittorie lungo sei turni

Views: 116

 

Il Milan sembra aver smarrito la via della vittoria: l’ultimo acuto risale ad un mese fa, 3-0 contro il Lecce a San Siro. Da allora i rossoneri hanno inanellato ben sei pareggi consecutivi, di cui due per 3-3, compreso oggi. Una partita davvero strana quella andata in scena a San Siro, con il Milan già sotto di una rete dopo cinque minuti per atterramento al 3′ di Vigliacco da parte di Tomori, dal dischetto Retegui batte Sportiello. Milan poco fortunati al 13′, quando Pulisic coglie palo con una conclusione a giro. I rossoneri provano spesso a tirare da fuori area. Al 26′ una magia di Giroud per Chukweze, il portiere genoano Martinez sventa in scivolata. Il Milan pareggia allo scadere del primo tempo, Florenzi raccoglie al volo la maxi giocata di Chukweze. Nella ripresa ancora fatale al Milan il 3′ minuto, Tomori si perde Ekuban, Gabbia non fa in tempo a recuperare, lo stesso Ekuban insacca facile facile. Subito dopo annullati un gol a Chukweze per evidente fuorigioco. Al venti dalla fine esce Leao ed entra Okafor. Poco dopo Giroud si mangia letteralmente un’occasione d’oro. Tre minuti dopo Gabbia svetta sul calcio d’angolo di Florenzi ed incorna perfettamente in rete per il pareggio. Al 75′ Giroud si rifà del precedente errore ed insacca di sinistro su cross di Pulisic. A questo punto la Curva Sud, che da inizio gara ha inscenato uno sciopero del tifo, abbandona la curva. All’ 87′ arriva il terzo ed anche ultimo gol del Genoa, che va in gol con una palla di Retegui rimpallata da Thiaw appena entrato al posto di Chukweze. Un pareggio che non serve a nessuno, il Genoa ormai non ha nulla da pretendere da questo campionato, il Milan deve comunque mantenere il secondo posto. Ma soprattutto deve ritrovare serenità tra società e tifosi.

Donatella Swift

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.