18 Luglio 2024
  • www.footballweb.it e’ una testata giornalistica
  • registrata presso il Tribunale di Napoli Nord –
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
  • Direttore Responsabile: Michele Pisani

La triste storia di Klas Ingesson

La triste storia di Klas Ingesson

Views: 5

Eravamo tutti abituati a vederlo lottare in campo, per i tifosi di Bari, Bologna e per gli sportivi italiani era il “Guerriero” che sradicava palloni agli avversari e che svettava dall’alto dei suoi 190 cm di altezza.
Sembrava invincibile, ma nel 2009 a Klas Ingesson fu diagnosticato un mieloma multiplo.
“Quando il dottore disse che avevo il cancro vidi tutto nero. Ho avuto un sacco di persone malate nella mia famiglia e per me quella parola significava morte. Quando lo shock passò decisi di scegliere la vita e di fare il massimo dalla mia situazione”.
E scegliere la vita voleva dire, in automatico, scegliere il calcio.
Iniziò ad allenare squadre giovanili fino alla grande occasione di allenare la prima squadra dell’Elfsborg.
Ma il mieloma non concedeva troppi attimi per godersi l’avventura in panchina. Ogni domenica le cose andavano peggio: all’inizio raggiungeva la panchina in stampelle, poi con un girello e infine passò alla sedia a rotelle.
Però Klas era sempre sul rettangolo verde nonostante la malattia lo rendesse più debole.
Una volta, durante una partita contro il Göteborg, cadde dalla sedia a rotelle finendo a terra con le mani che non furono in grado di attutire il colpo.
“Non riuscivamo a portarlo via, voleva vedere la fine” spiegò il medico della squadra Matilda Lundblad.
A maggio i suoi ragazzi sconfissero l’Helsinborgs in finale e Ingesson festeggiò la Coppa di Svezia.
Due settimane dopo rassegnò le dimissioni sapendo di non essere più in grado di allenare.
Salutando, promise di lottare contro la malattia e da buon guerriero ha lottato fino alla fine.
Oggi sarebbe il suo compleanno.
Tanti auguri Klas!

About Redazione 10591 Articoli
Redazione Footballweb. Inviaci i tuoi comunicati alla mail: footballweb@libero.it (in alternativa sulla pagina Facebook) e provvederemo noi a pubblicarli. La redazione non si assume la responsabilità circa le dichiarazioni rilasciate nei comunicati pervenuti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.