• www.footballweb.it e’ una testata giornalistica
  • registrata presso il Tribunale di Napoli Nord –
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
    Direttore Responsabile: Michele Pisani

Gli ex del calcio: Mario Facco

Condividi i nostri articoli

Hits: 266

Altro giro, altra corsa. Il treno dei ricordi ‘approda’ in un’altra stazione. Di solito iniziamo cosi’. Spazio alla fantasia e gioia per aver ritrovato l’ennesimo calciatore che ha indossato la mitica casacca biancoverde. Questa volta facciamo un’eccezione. Riproponiamo l’intervista a Mario Facco. Un tributo all’atleta scomparso il 31 Agosto.   Ve la facciamo rileggere integralmente, è giusto cosi, non siamo alla ricerca di medaglie da metterci al petto. Mai avremmo pensato che di quel Settembre del 2013, sono passati soli cinque anni, avremmo dovuto parlare al passato. Un altro Lupo che tiferà per l’Avellino dall’alto del suo nuovo campo da giuoco. In Paradiso gli sarà consentito fare sfoggio dei suoi trofei ovvero le maglie di Inter, Lazio ed Avellino. Su quel campo, purtroppo per noi tutti, ritroverà tanti amici ed altrettanti campioni. Che dire se non ammettere e mestamente che ci mancate. Mario Facco ha giocato nell’Inter di Herrera, nella Lazio, con i biancocelesti ha collezionato centoventisei presenze, condite da sei reti. Ma e soprattutto ha vestito la maglia biancoverde dal 1974-75 al 1976-77. tre stagioni con centoquattro presenze e due reti. Tre allenatori dal calibro di Oronzo Pugliese, Tony Giammarinaro e Corrado Viciani. Alto un 1.84 per 81 chilogrammi. Un roccioso difensore che occupava la fascia destra. Ha realizzato gol sia di piede che di testa ma non gli chiedete altro, non se lo ricorda.

“Sinceramente ho una memoria abbastanza corta, so di aver segnato ma non ricordo quando e a chi. essendo un difensore non è questo quello che conta ma altro”. Ricorda la sua esperienza ad Avellino? “Ma scherza ? Come potrei mai dimenticarla. Tre anni bellissimi. Una tifoseria come poche in Italia. Fui anche premiato per quando arrivai a cento presenze”. Di questo parleremo in seguito, iniziamo con una curiosità. Lei ha giocato con Schicchi ma è arrivato l’anno dopo la partenza di un altro grande difensore e parliamo di Fraccapani. “Ah, Piero. Siamo cresciuti assieme a Milano. Abbiamo iniziato all’oratorio, poi io sono finito all’Inter e lui al Milan. Quello era un altro calcio”. Ricorda la difesa in quegli anni? “Pinotti in porta, Schicchi a destra, io giocavo stopper, libero Onofri e Ripari a sinistra. Poi, l’anno dopo venne anche Reali”.  Ci racconta della sua esperienza in una squadra del sud, l’unica nella sua carriera, c’è differenza ? “Certamente si. Con questo non voglio dire che è negativa. Io che arrivavo dalla Lazio, dopo otto anni di serie A e andare in B ad Avellino, adesso la città rispetto ai miei tempi mi sembra New York per come è cresciuta, il calore del pubblico era particolare. Io, per esempio, non ho avvertito la mancanza di affetto delle grandi città. A Roma sentivi la pressione ad Avellino, principalmente, il calore della gente che è tutt’altra cosa. calore in positivo quanto in negativo, se vincevi potevi andare tranquillo per strada ma se perdevi dovevi scendere al buio, non so se rendo l’idea”. Tre grandi allenatori, com’erano ? “Oronzo Pugliese è stato un mito, un allenatore pirotecnico. Viciani era più un teorico, Giammarinaro un vero fantasista. Tre ottime persone poi in quegli anni l’allenatore guadagnava davvero poco e con l’avvento di Herrera che anche i mister ebbero le copertine dei giornali, si parlava di vittorie ma i nomi degli allenatori nessuno li ricordava. Prima si parlava dell’inter di Sarti, Suarez, Burnich, Facchetti, Corso o di Mazzola, oggi è diverso è grazie al mago che guadagnano più dei giocatori”. la solita domanda che facciamo a tutti. Ci racconta della legge del Partenio ? “Allora era molto diverso rispetto ad oggi. Lo stadio era più piccolo, venire ad Avellino non era facile e non oltre tutto dovevamo salvarci in quegli anni ed i punti li facevamo in casa. Spesso ci salvavamo alle ultime giornate ed i tifosi ci venivano a prendere al ritiro, ci facevano sentire il loro calore. Come le dicevo prima, uno che ha giocato ad Avellino non dimenticherà mai l’affetto ed il calore dei tifosi”. E’ vera la storia della bistecca da mangiare prima delle gare importanti? “Eh si. I macellai ti davano la bistecca  quando andavi bene ma ti davano qualcos’altro quando non andavi bene”. Parliamo di Sibilia, che presidente era? “Eccezionale. Le posso dire che io ho avuto con lui dei contrasti appena arrivato, in quanto pensava che fossi venuto in Irpinia per svernare, poi si affezionò a me tanto che quando uscii dal corso di Coverciano il primo lavoro l’ho avuto da lui. Venni per allenare la primavera. Mi ricordo che Sibilia è uno che se ne intendeva di calcio, non era uno che cacciava solo i soldi ma era sempre presente. Di lui ho un grandissimo ricordo”. Un parallelo tra i tifosi di allora e di oggi? “Non posso farlo, io ho solo visto che la città è cresciuta rispetto ai miei tempi in quanto lo stadio era in periferia adesso, invece, è in pieno centro urbano ma non conosco i tifosi di oggi, ai miei tempi li conoscevo e bene. Però posso dire, visto che spesso sono venuto, il Lega Pro, per commentare le gare dei Lupi, che il tifo è sempre caloroso come allora”. Ennesimo contatto, Mario Facco per l’amarcord di Ultrà Avellino. Altro giro, altra corsa. Mi raccomando, non perdeteci di vista, potreste pentirvene.

About Michele Pisani 2233 Articoli
Giornalista sportivo, iscritto all'albo dopo una lunghissima gavetta.

Commenta per primo

Lascia un commento