18 Luglio 2024
  • www.footballweb.it e’ una testata giornalistica
  • registrata presso il Tribunale di Napoli Nord –
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
  • Direttore Responsabile: Michele Pisani

Amarcord: Gigi Riva “Rombo di Tuono”

Amarcord: Gigi Riva "Rombo di Tuono"

Views: 2

C’è un dato emblematico che spiega l’immenso Gigi Riva.
Con la maglia dell’Italia ha giocato “solo” 42 partite, è infatti al 63esimo posto dei calciatori con più presenze in nazionale.
Nonostante ciò, con 35 gol è il miglior marcatore della storia della nazionale italiana, con una media di 0.83 gol a partita.
Un record che dura ininterrottamente da oltre 50 anni.
È una statistica davvero sorprendente se pensiamo quanto fosse difficile segnare in quegli anni, per via di quelle marcature a uomo che lasciavano poche speranze agli attaccanti.
Eppure negli anni il calcio italiano ha saputo sfornare grandi campioni, ma nessuno è stato in grando di superare questo record, nemmeno oggi, che si giocano più partite.
Se poi consideriamo che in carriera ha segnato 248 gol in 441 partite con una media di 0.56 gol a partita.
Che è uno dei pochissimi giocatori ad aver realizzato un poker (4 gol) con la maglia della nazionale italiana.
Che è il miglior marcatore nella storia del Cagliari: 208 gol in 377 presenze.
Che ha vinto uno scudetto col Cagliari nel 1970 e un europeo con la nazionale italiana nel 1968.
E se infine consideriamo che ha rifiutato i migliori club italiani e stipendi miliardari per amore del Cagliari e del popolo sardo.
Ecco che si spiega la grandezza di Gigi Riva, un campione amato da tutti e da più generazioni.
Il calcio italiano deve davvero tanto a quest’uomo, perché negli anni si è guadagnato il rispetto con i fatti e con i gol.
Grazie “Rombo di tuono”. ❤
About Redazione 10591 Articoli
Redazione Footballweb. Inviaci i tuoi comunicati alla mail: footballweb@libero.it (in alternativa sulla pagina Facebook) e provvederemo noi a pubblicarli. La redazione non si assume la responsabilità circa le dichiarazioni rilasciate nei comunicati pervenuti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.