• www.footballweb.it e’ una testata giornalistica
  • registrata presso il Tribunale di Napoli Nord –
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
    Direttore Responsabile: Michele Pisani

Menichini il normalizzatore

Condividi i nostri articoli

Hits: 10

In foto Leonardo Menichini

S’è presentato ai suoi giocatori, da solo fisicamente; ma accompagnato dall’inseparabile “amico entusiasmo”, quello che l’ha sempre sorretto nelle due precedenti esperienze a Salerno. Esperienze vittoriose, ma sempre insidiose, irte di difficoltà e soprattutto critiche. Leonardo Menichini ha mostrato esperienza e carisma per farsi scivolare tutto addosso. Ma soprattutto capacità di entrare nelle menti dei calciatori, di vestirsi da psicologo prima che da allenatore. E di “normalizzare”: soprattutto per questo Lotito lo ha richiamato, nella tarda nottata tra domenica e lunedì, al capezzale della Salernitana. ‘Menico’ ieri ha diretto i suoi primi allenamenti: al mattino seduta in palestra, al pomeriggio primo contatto col pallone ma senza forzare. Oggi darà spazio alle prove tattiche. Il trainer di Ponsacco ha utilizzato la giornata di ieri innanzitutto per dare una scossa al gruppo, per provare ad infondere forza, convinzione e coraggio.
Non speranza, per dirla alla Gregucci: la può avere un tifoso, già consapevole di doversi aggrappare anche ai riti scaramantici per “gufare” le altre avversarie, ma non chi dovrà scendere in campo per l’impresa. La prima mission di Menichini è proprio questa: ricollegare cervelli e gambe, ricreare quello spirito di gruppo da settimane smarrito per strada. Qualcuno, o più di qualcuno, s’è spinto con la mente già oltre, preparando le valigie e liberando le rispettive abitazioni. Ma c’è anche la possibilità della coda play-out che protrarrebbe almeno per due settimane ancora la stagione. O forse più se il blocco degli spareggi chiesto dal Foggia dovesse trovare accoglimento.
Ritrovare motivazioni e convinzioni. Perché, con tutti i suoi (grossi) limiti tecnici, la Salernitana non può essere la squadra degli ultimi due mesi. Credere nell’obiettivo è il primo passo obbligatorio per poterlo raggiungere. A Pescara sarà come una finale, frase fatta, tremendamente abusata, ma stavolta purtroppo veritiera. All in all’Adriatico: la Salernitana deve fare risultato per non compiere l’ultimo passo verso il baratro.

About Raffaele Cioffi 1022 Articoli
Collabora con il sito www.footbalweb.it, segue la Salernitana

Commenta per primo

Lascia un commento