18 Luglio 2024
  • www.footballweb.it e’ una testata giornalistica
  • registrata presso il Tribunale di Napoli Nord –
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
  • Direttore Responsabile: Michele Pisani

Mauro Pantani: “Questo è l’Avellino che volevamo”

Views: 1

e VENNE il GIORNO della prima vittoria esterna,ampiamente conforme e appropriata……..FINALMENTE,al tesoretto accumulato nelle partite casalinghe,l’AVELLINO che tutti sognavamo,aggiunge tre punti conquistati di forza al Silvio Piola di Novara con una prestazione ricca di CUORE,AVVEDUTEZZA e SOSTANZA…..NOVELLINO presenta una squadra nuova nella coppia centrale di difesa e in quella d’attacco,da spazio a giocatori giovani, freschi e vogliosi di ben figurare e loro rispondono con una presenza concreta,tecnicamente ineccepibile ed efficace,tanto da chiedersi anche con batticuore se e’ stata vera gloria quella del pomeriggio piemontese o si e’ trattato di un exploit di giornata,di difficile replica…….un undici veramente in gamba e senza sbavature in ogni elemento per almeno tre quarti di partita,con un delizioso ARDEMAGNI che cesella due reti da artificiere scelto e solo per superficialita’ ne fallisce una che avrebbe immortalato il suo ONOMASTICO di due giorni fa’ con una tripletta da favola e dato al risultato quel valore emozionale, che amplifica l’AUTOSTIMA del gruppo, cosa che il saggio trainer di Montemarano sta cercando da tempo e che sembra sulla strada di conseguire…..la domanda adesso e’ ci siamo gia’?….io mi sento di rispondere al 70 per cento, quasi di si….. il portiere di qualita’ invidiabili mostra segni di sicurezza,attenzione e capace confidenza con il ruolo malgrado la giovane eta’, non puo’ che crescere,la coppia difensiva di mezzo concentrata,rocciosa,granitica e priva di fronzoli non si e’ persa in inutili ghirigori liberando anche alla PAESANA maniera quando ce n’e’ stato bisogno,come si conviene, i centrocampisti hanno lavorato da matti,con una presenza se non geniale quantomeno continua e assillante per gli avversari costretti spessissimo a ripiegare e la nota piu’ lietaviene dalle fasce che hanno funzionato a dovere con quella di sx grandiosa in una catena a tutto servizio per 90 minuti e piu’ e a destra solo un paio di leggerezze facilmente correggibili vero Laverone…?????…..per gli ATTACCANTI un discorso a parte….. il buon MATTEO quest’anno c’e’ stato e c’e’ da subito,e se servito a dovere e’ in grado di trasformare in oro anche palle velenosette anzicheno’,come e’ suo costume fare da una vita,ma la sorpresa tirata fuori dal cilindro dal simpatico ALLENATORE Irpino e’ lo Spagnoletto Venezuelano ASENCIO che al suo esordio dall’inizio, incornicia una prestazione di tutto rispetto come se giocare a ottimi livelli fosse per lui una prerogativa dovuta alla disposizione naturale certa e immagazzinata nel suo bagaglio di qualita’ eccellenti…..devo dire veramente BRAVO e in movimento incessante da giocatore offensivo di RAZZA…….a questi egregi giocatori si aggiunge una panchina abbastanza lunga e in grado di dare valori aggiunti importanti e quindi rassicuranti ……ma ora basta col magnificare questi ragazzi che pur tanto hanno meritato,torniamo coi piedi per terra,lo spartiacque tra un CAMPIONATO alternante tra sussurri e grida e’ stato superato di slancio,e ora ricchi di una classifica consona al BLASONE BIANCOVERDE dobbiamo assestarci nelle posizioni di prestigio e lo possiamo fare soltanto dando continuita’ alle prestazioni sacrificandosi e mettendo SEMPRE in campo ogni stilla di energia che solo puo’ fare di noi dei protagonisti in assoluto,bando alle chiacchiere….LAVORARE, LAVORARE, LAVORARE e ancora LAVORARE per acquistare ancor piu’ EQUILIBRIO di squadra e fortificarne il CARATTERE fino a renderlo d’ACCIAIO, cominciando gia’ da Sabato prossimo l’EMPOLI e’ squadra veramente TOSTA va presa con le molle come fosse un TIZZONE ARDENTE…….complimenti a TUTTI e AUGURISSIMI…..

About Michele Pisani 2906 Articoli
Giornalista sportivo, iscritto all'albo dopo una lunghissima gavetta. Una passione malcelata per la Formula Uno.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.