20 Luglio 2024
  • www.footballweb.it e’ una testata giornalistica
  • registrata presso il Tribunale di Napoli Nord –
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
  • Direttore Responsabile: Michele Pisani

Italia – Svizzera, i sogni presi a cantonate

Views: 102

È andata come peggio non poteva andare, e non solo per la sconfitta con due gol di scarto, Freuler e Vargas, un punteggio severo  che in teoria ci poteva anche stare. Ciò che ha fatto davvero male è bastato vedere una Nazionale senza idee, senza nerbo, senza spirito di iniziativa. Il primo gol ha visto Freuler avanzare nel cuore dell’ area indisturbato, e già lì si potrebbero dire molte cose. Ma vogliamo parlare del secondo? Arrivato dopo appena 32 secondi dall’ inizio della ripresa( curioso che contro l’ Albania lo svantaggio iniziale fosse arrivato al 23′ secondo, evidentemente il 2 ed il 3, anche invertiti, non hanno portato bene all’ Italia). Ad ogni modo splendido il tiro a giro di Vargas, letteralmente dimenticato da tutta la difesa azzurra. Primo sussulto un tentativo di autorete di Scher, finito sul palo di Sommer. Al di là del risultato, la prova degli 11 di Spalletti è risultata decisamente deludente: primo tempo a dir poco imbarazzante, il nulla assoluto. E non che il secondo tempo sia stato questo Carnevale di Rio, anzi, pronti partenza e via preso il secondo gol. E pensare che per l’ennesima volta Donnarumma di fatto è stato il migliore in campo. Gli esperimenti di Spalletti, e la scusa di non avere a disposizione Calafiori per squalifica non può e non deve essere una scusa. Ad esempio, vedi che sei sul 0-2, perché aspetti cinque minuti dalla fine per inserire Frattesi che avrebbe potuto essere più utile almeno mezz’ora prima? Oppure, sai che Bastoni non è al meglio, quando vedi che dopo venti minuti è sulle ginocchia, perché non mandi in campo al suo posto Zaccagni? Per non parlare di Barella e Scamacca, per motivi diversi lontani anni luce dalla forma. Italia fuori dall’ Europeo, ma con tanti rimpianti dovuto soprattutto alle scelte scellerate di Spalletti.

Donatella Swift

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.