• www.footballweb.it e’ una testata giornalistica
  • registrata presso il Tribunale di Napoli Nord –
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
    Direttore Responsabile: Michele Pisani

Gladiator, Credendino a FBW: “Non siamo appagati. Canicattì squadra ostica”

Condividi i nostri articoli

Hits: 77

DI STEFANO SICA

Gladiator 1924 - Foto squadra

Il 19 maggio inizierà l’avventura del Gladiator nei play-off nazionali di Eccellenza. Avversario il Canicattì con gara d’andata sul campo di Favara, e ritorno al Piccirillo una settimana dopo. Non c’è due senza tre, e messe in riga a domicilio le due favoritissime Afragolese e Frattese, i nerazzurri proveranno il colpo grosso con i siciliani di Nicola Terranova, squadra che tra sé e la D ha trovato solo un Licata schiacciasassi. In attesa dell’investitura ufficiale di Pasquale Borrelli, prevista per fine stagione, il Gladiator continua ad essere guidato da Vincent Credendino, che ai microfoni di FootballWeb ha rilasciato alcune impressioni dopo il blitz dello Ianniello.

Spesso il fattore campo salta nei play-off, specie in Campania, e voi vi siete mostrati all’altezza di questa sfida, pur non partendo coi favori del pronostico.

“Due anni fa ero ad Afragola e, partendo da secondi, tutti ci davano per favoriti. Ricordo ancora la partita col San Giorgio, quando vennero a vincere da noi arrivando poi in finale. Noi comunque dobbiamo continuare a lavorare come abbiamo fatto finora per prepararci al meglio alle sfide col Canicattì”.

Avete già studiato i siciliani?

“Qualche informazione già l’abbiamo su questa squadra che ha chiuso distanziando la terza in classifica di 15 punti. Hanno avuto un ruolino di marcia importante, perdendo solo due gare e mantenendo largamente la miglior difesa del girone. Sappiamo che affronteremo un ottimo avversario”.

Si aspettava una Frattese piena di infortuni e tatticamente camaleontica?

“Onestamente no. Infatti si sono disposti col 4-4-2 e successivamente col 4-3-2-1. Ci hanno messi in difficoltà in alcuni momenti. Ma i miei ragazzi sono stati fantastici portando a casa una partita dura”.

Volendo trovare il pelo nell’uovo, con la Frattese molto allungata è mancata un po’ la gestione della palla per buona parte del secondo tempo?

“In effetti abbiamo sbagliato i primi 10 minuti della ripresa: in quel frangente De Lucia ci ha salvati con due miracoli su Sparano e Allegretta. E’ vero, avremmo potuto gestire meglio la palla e provare qualche ripartenza più efficace. Bravi anche loro a tenerci bassi e a farci soffrire, forti anche dell’esperienza maturata nella gara di campionato quando ci fecero gol nel recupero”.

600 tifosi sammaritani allo Ianniello: numeri straordinari che vi responsabilizzano ancora più di quanto non lo facciano già ora…

“Sono stati il nostro dodicesimo uomo in campo. Ci hanno dato un supporto straordinario, decisivo”.

About Stefano Sica 758 Articoli
Giornalista pubblicista e' uno dei fondatori di Footballweb

Commenta per primo

Lascia un commento