• www.footballweb.it e’ una testata giornalistica
  • registrata presso il Tribunale di Napoli Nord –
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
    Direttore Responsabile: Michele Pisani

A tu per tu con Luis Vizzino

Condividi i nostri articoli

Hits: 104

Reading Time: 3 minutes

Abbiamo incontrato Luis Vizzino, avvocato esperto in diritto sportivo, docente a contratto  alla Cattedra di Diritto dello sport presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Salerno e membro della commissione Diritto sportivo presso CNF. Luis ha ottenuto dalla vita ciò che voleva raggiungendo i suoi obiettivi professionali con grande tenacia e determinazione. Ci siamo intrattenuti con lui sui temi e argomenti attuali, sui quali ci ha dato la opinione.

Sei un noto avvocato di diritto sportivo come hai cominciato questa attività

– Premetto di non aver mai avuto dubbi su ciò che avrei voluto fare “ da grande “. E da questo punto di vista mi sento un privilegiato, in quanto abbinare lavoro e passione significa affrontare ogni giorno con serenità. 

Ho iniziato a svolgere la professione non appena conseguito il titolo di Avvocato, anche se, devo dire che già mi ero avvicinato al mondo sportivo qualche anno prima avendo conseguito nel 2010 il titolo di Agente Fifa.

All’inizio non è stato semplice, anzi da alcuni punti di vista è stato anche  rischioso, perché ho optato per una scelta professionale di nicchia, ma ho preferito seguire il mio istinto e, con il senno di poi, sento di aver fatto la scelta giusta.

La tenacia, il continuo aggiornamento e la voglia di arrivare alla fine pagano sempre.

Oltre al calcio segui per lavoro qualche altro sport?

– Certo, anche se e’ in ambito calcistico che si concentra  per lo più la mia attività prestando attività di consulenza per atleti, agenti e società.

I problemi legali del calcio italiano, quelli da risolvere

– Beh, di passi in avanti ne sono stati fatti tanti ma si può e si deve ancora migliorare. 

Combattere qualsiasi forma di discriminazione razziale e territoriale anche con un deciso inasprimento delle sanzioni credo sia ormai diventato indispensabile, così come, sarebbe auspicabile offrire una sempre maggiore tutela verso gli atleti non professionisti, ormai professionisti di fatto .

Secondo te la Juventus vincerà ancora lo scudetto o vedi qualche squadra che potrà opporsi?

– È campione in carica e resta la favorita, ma vedo una lotta a tre con Inter e Napoli.

Il Napoli ha ormai un sistema di gioco collaudato, ha fatto acquisti mirati, ha un allenatore abituato a vincere e con un anno in più di esperienza partenopea.

L’Inter necessita di un po’ tempo in più, ha cambiato tanto ma ha preso calciatori importanti e poi ha un allenatore in grado di dare il meglio sin da subito.

Sarà una bella lotta.

Ormai molte società italiane hanno proprietà straniere come vedi questo fenomeno

– E’ questa la strada intrapresa da qualche anno. È cambiato il calcio, non esiste più la figura del presidente tifoso. Le regole di mercato  hanno imposto un cambiamento radicale nella gestione delle società per provare a stare al passo degli altri Paesi. Il tifoso deve ormai abituarsi ….

Var, che ne pensi?

– Favorevole,  a condizioni però che non se ne faccia un uso spropositato, altrimenti verrebbe meno anche il gusto naturale della competizione. 

Da quando è arrivato Mancini la nazionale è in ripresa. Il tuo parere

– Il c.t sta facendo un ottimo lavoro. Ha dato un segnale innovativo  all’intero movimento. Sta puntando sui giovani e lo sta facendo in maniera intelligente. C’era bisogno di un po’ di coraggio perché l’Italia ha tanti giovani talenti. Mancini è sulla strada giusta .

Commenta per primo

Lascia un commento