• www.footballweb.it e’ una testata giornalistica
  • registrata presso il Tribunale di Napoli Nord –
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
    Direttore Responsabile: Michele Pisani

Ventura: ho giovani interessanti che scalpitano… Kiyine, merita la serie A

Condividi i nostri articoli

Hits: 0

Questa la conferenza di Mister Ventura prima della partenza per Venezia. Ha parlato delle assenze in difesa e su Kiyine: “Abbiamo tanti giovani, Pinto non ha mai giocato ma è una piacevole sorpresa: ha una voglia feroce di realizzarsi e sta facendo passi da gigante. Finché la salute assiste i tre titolari vanno avanti loro, stanno facendo bene se non benissimo. Abbiamo bisogno di continuità, questo è un bene e il discorso vale anche per altri ruoli. Kiyine? Un buon giocatore, secondo me può giocare in più ruoli. Il suo obiettivo è giocare in Serie A, credo che nella Lazio da esterno abbia la possibilità di realizzarsi e da esterno ha una lettura di campo diverso: la mezz’ala è un ruolo diverso. Poi naturalmente per necessità e per la squadra fa anche la punta”. La Salernitana torna a Venezia, dopo la finale playout. E in Laguna torna anche Ventura: “Non ho percepito nulla dai superstiti di quella partita, anche perché sono pochi calciatori. Il problema non lo abbiamo sfiorato, domani è importante per altri motivi. Quello è un passato e rimane il passato. I miei ricordi di Venezia? Ero all’inizio, avevo un sacco di capelli. Fu un’annata positiva, abbiamo perso la Serie A perché mi tolsero 2-3 punti a tavolino. Ho ricordi piacevoli, una volta in Coppa prima della partita contro la Juve eravamo in ritiro al Lido e si vedeva Sant’Elena tutto esaurito e noi eravamo ancora in albergo a fare la riunione tecnica. Poi eliminammo la Juventus, ricordi sportivi e non perché ho lasciato un sacco di amici”. Dopo la precedente sosta la Salernitana ha perso con il Benevento: “Quando parlo di crescita di squadra parlo anche di maturità dei calciatori, a loro ho detto che abbiamo giocato con il Catanzaro e poi il giovedì successivo ho visto che non c’era abitudine al complimento. Dopo il Benevento abbiamo avuto il rammarico di non aver fatto quello che volevamo. Questa è una verifica importante, la sosta serve per recuperare energie fisiche e nervose, dobbiamo essere ancora più bravi a fare quello che sappiamo fare. In queste due settimane mi sono arrabbiato una volta perché il campo non ci permette di giocare, non è largo e ci è difficile. Poi la palla salta male e i calciatori si innervosiscono, dobbiamo trovare una soluzione. Dal punto di vista tecnico incontriamo difficoltà perché per il fraseggio serve un campo buono”.
Capitolo formazione: “Gioca Giannetti con Djuric, Jallow non è in grado di fare 90 minuti. Lo stiamo aspettando, sta lavorando”.
Gli attaccanti si impegnano, ma segnano poco: “Ripeto, io voglio costruire qualcosa qui a Salerno. E tutto passa sugli obiettivi individuali di calciatori giovani che hanno ambizione di arrivare in alto e quelli meno giovani che hanno ambizione di rinnovare il contratto o essere più protagonisti rispetto alla carriera. Prendiamo Djuric, non possiamo pretendere che faccia 25 gol ma è un calciatore che vuole migliorarsi. Il discorso vale anche per gli altri, le caratteristiche dei calciatori sono chiare: Jallow è diverso da Giannetti e Djuric, quando ci saranno tutti possiamo ruotare e sfruttarli tutte. Ora non possiamo metterci in competizione con Coda, i numeri sono diversi. Non ha senso, sarebbe infierire. Abbiamo altri obiettivi, altrettanto importanti”.

About Raffaele Cioffi 1069 Articoli
Collabora con il sito www.footbalweb.it, segue la Salernitana

Commenta per primo

Lascia un commento