• www.footballweb.it e’ una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli Nord
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Dedicato a Luca Alvieri

Un altro pilota di Formula 1 ha rifiutato di inginocchiarsi per #blacklivesmatter. Chi sono i sette rimasti in piedi

Condividi i nostri articoli

F1 70th Anniversary Grand Prix

La Formula 1 continua con messaggi di solidarietà contro il razzismo. E domenica , prima del Gran Premio del 70 ° anniversario, vinto da Max Verstappen, la maggior parte dei piloti si è inginocchiata, come manifesto del movimento #blacklivesmatter.

Tuttavia, sette piloti si sono rifiutati di inginocchiarsi, rimanendo in piedi durante la protesta. Nelle gare precedenti, sei piloti erano contrari al gesto: Carlos Sainz, Charles Leclerc, Max Verstappen, Antonio Giovinazzi, Daniil Kvyat e Kimi Raikkonen.

Oggi se ne è aggiunto un altro. Si tratta del danese Kevin Magnussen, del team Haas F1.

Tutti i piloti indossavano magliette con la scritta “Stop racism”, ad eccezione del britannico Lewis Hamilton, che ne è diventato il leader della protesta. Il pilota della Mercedes è apparso con una maglietta con la scritta “Black Lives Matter”.

Nonostante tutti i piloti siano categoricamente contrari al razzismo, il rifiuto dei sette di inginocchiarsi è legato al movimento Black Lives Matter, con il quale non vogliono essere assimilati.

Hamilton: “Il silenzio ti rende complice!” / Sainz: “Sono libero!”

Il razzismo è stato un tema ricorrente sin dalla ripresa delle corse di Formula 1. Lewis Hamilton ha parlato esplicitamente degli “spagnoli e russi” che hanno rifiutato di inginocchiarsi per conto di #blacklivesmatter.

“Il silenzio ti rende complice. Continuerò a cercare di migliorare la mia istruzione e incoraggiare gli altri a fare lo stesso. Non voglio che le persone si sentano obbligate a farlo. Voglio che il mondo sia eccitato perché sta prendendo parte a questo cambiamento ” ha spiegato l’inglesi.

In risposta si è difeso lo spagnolo Carlos Sainz, dicendo che è “libero” e che inginocchiarsi è un gesto che non cambia nulla.

“(n.r. – riguardo alle pressioni di Hamilton). Sono libero di non inginocchiarmi. Chiedo a queste persone di rinunciare a questo argomento. Tutti i piloti sono contro il razzismo. Non puoi essere considerato razzista solo perché non ti inginocchi.

Sta iniziando a essere un non soggetto. È un gesto che non cambia nulla, dobbiamo smetterla di parlarne “, ha detto Sainz in una conferenza stampa prima della gara di Silverstone.

Total Page Visits: 744 - Today Page Visits: 1
About Michele Pisani 2349 Articoli
Giornalista sportivo, iscritto all'albo dopo una lunghissima gavetta.

Commenta per primo

Lascia un commento