• www.footballweb.it e’ una testata giornalistica
  • registrata presso il Tribunale di Napoli Nord –
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
    Direttore Responsabile: Michele Pisani

Serie B: ricorsi e carte bollate al posto degli spareggi. Continua lo scandalo in cadetteria

Condividi i nostri articoli

Hits: 14

Tra poche settimane in Europa si assegneranno le due coppe europee più famose del continente che se le conteranno la bellezza di quattro delle prime cinque squadre in classica della premier League inglese.

Se il Manchester City ha festeggiato solo domenica scorsa la vittoria del suo secondo scudetto consecutivo dopo un estenuante lotta fino all’ultimo punto contro il Liverpool,  gli uomini di Klopp dovranno consolarsi, si far per dire, con la disputa della seconda finale di Champions consecutiva contro la squadra il Tottenham che guarda caso la segue in classifica.
Basterebbe solo questo per decantare se ce ne  fosse ancora bisogno lo strapotere del calcio britannico se non fosse per il fatto che le due squadre che seguono il Tottenham ,Arsenal e Chelsea duelleranno nella finale di Europa League.
Un successo senza precedenti per un movimento calcistico che ha saputo riorganizzarsi nel tempo dopo aver toccato il fondo alla fine degli anni ottanta quando addirittura subì l’umiliazione dell’esclusioni dei club dalle coppe europee e il famoso pugno di ferro della lady di ferro Thatcher che decretò l’inizio dello scorporo della premier League dalla Federcalcio inglese che ha però mantenuto l’esclusiva sulla più famosa ed antica coppa nazionale del mondo .
E mentre l’Europa del calcio si inchina allo strapotere inglese in Italia a cui non è servito l’arrivo di Cristiano Ronaldo alla Juventus per rilanciare il sistema calcio ancora scosso dalla mancata partecipazione della nazionale all’ultimo mondiale non si placano le polemiche e gli scandali che hanno in pochi mesi raso al suolo quello che forse era il campionato nazionale ,la serie B ,più avvincente dell’intero panorama calcistico.
Chi credeva che  il disastro fosse finito ,con l’esclusione di squadre blasonate come Bari ,Avellino e Cesena dai nastri di partenza del torneo ridotto addirittura a diciannove squadre dovrà ben presto ricredersi visto che Balata e i suoi fratelli hanno avuto addirittura la stravagante idea di liberarsi anche di altre due famose piazza Palermo e Foggia troppo ingombranti e minacciose nei confronti di club facenti pare del consiglio di lega che si vedono premiati per successi ottenuti al di fuori del rettangolo di gioco.
E così mentre negli altri paesi sono quasi in dirittura d’arrivo gli spareggi promozione e retrocessioni in Italia è appena iniziato il periodo di ricorsi e carte bollate alla faccia di calciatori addetti ai lavori e tifosi che chissà quando conosceranno i verdetti definitivi delle proprie squadre a differenza di qualcuno il cui tornaconto non è mai stato messo in discussione.

Commenta per primo

Lascia un commento