• www.footballweb.it e’ una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli Nord
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Dedicato a Luca Alvieri

Salernitana – Monopoli 2-1

Condividi i nostri articoli
TABELLINO – SALERNITANA-MONOPOLI 2-1 SALERNITANA (4-4-2): Terracciano (1′ st Liverani); Laverone (10′ st Grillo), Tuia (14′ st Franco), Bernardini, Vitale (1′ st Rossi); Caccavallo (1′ st Bovo), Moro, Odjer, Zito (1′ st Schiavi); Coda, Donnarumma (19′ st Troianiello). A disp: Proto, Rosti. All: Sannino. MONOPOLI (4-3-1-2): Mirarco (1′ st Pellegrini); Bei (1′ st Forbes), Esposito (1′ st Ricucci), Ferrara (1′ st Daleno), Pinto (1′ st Mercadante); Radujko (1′ st Franco), Viola, Sounas; Bellante (1′ st Mouzakitis); Genchi (1′ st Balestriero), Gatto (1′ st D’Auria). A disp: Braze. All: Zanin. Arbitro: Martinelli di Roma 1 NOTE. Marcatori: 13′ pt Coda, 32′ pt Donnarumma (S), 38′ st Franco (M). SARNANO (MC). Prima amichevole probante del ritiro granata contro il Monopoli, militante in Lega Pro: 2-1 il finale per la Salernitana, firmato Coda-Donnarumma per la Salernitana e Franco (eurogol del mediano ex Salernitana) per i pugliesi. Indicazioni discrete nel primo tempo, disputato col 4-4-2 dei presunti titolari, meno buone nella ripresa (3-5-2 con girandola di sostituzioni), influenzata anche da un violentissimo acquazzone. Non hanno partecipato al test l’infortunato Mantovani (a bordo campo in scarpe ginniche) ma anche i vari Bacinovic, Ronaldo e Cenaj, che non sono ancora tesserati e dunque non possono prendere parte all’incontro, che è inserito nel calendario come amichevole ufficiale (con tanto di arbitro, il signor Martinelli di Roma 1). Fuori anche i baby Altea e Patella, che si sono allenati a parte con i compagni su citati e il preparatore Angelicchio. Il tecnico schiera Terracciano tra i pali, difesa a quattro con Laverone, Tuia (capitano), Bernardini e Vitale, mediana con Caccavallo, Moro, Odjer e Zito, coppia offensiva composta da Coda e Donnarumma. In tribuna presente anche Pasquale Lanzillo, dirigente sportivo molto vicino al ds Fabiani. A Sarnano c’è anche Massimo Mariotto, ds del Monopoli ed ex granata. LA PARTITA. Campo leggermente appesantito da un violento acquazzone caduto nel primo pomeriggio. Parte meglio il Monopoli ma dura poco; Salernitana contratta nei primi minuti, la sveglia il “solito” Sannino indemoniato in panca. Primo squillo pugliese con Genchi, rasoterra a fil di palo dal limite che Terracciano accompagna fuori. Dal 10′ la Salernitana viene fuori e ingrana in maniera interessante. Spinge più a sinistra che a destra il team campano, con Vitale e Zito che danno segni d’intesa. L’ex ternano indovina numerosi cross dalla fascia ma è da destra che proviene l’azione del gol del vantaggio granata al 13′: sventagliata precisa di Tuia dalle retrovie, delizioso controllo di Caccavallo, un tocco e poi il traversone col mancino che Coda incorna alle spalle di Mirarco. Manovra fluida, il centrocampo gira bene con la coppia Odjer-Moro che riesce a garantire geometrie e rottura. Solida la coppia centrale difensiva (per la verità poco impensierita), un po’ fuori partita Donnarumma: la 10 sulle spalle non lo carica. Qualche sbavatura per Laverone in fase difensiva quando è puntato dall’ala avversaria. Dopo un quarto d’ora su ottimi ritmi la Salernitana cala e Sannino s’arrabbia: non ammette errori, dà pure un calcio alla panchina. Evidentemente funziona, per la squadra e per… Donnarumma, che due minuti dopo la mezzora raccoglie un buon suggerimento di Odjer nel bel mezzo dell’area e raddoppia col marchio di fabbrica del destro a girare. Tre minuti e Alfredino sfiora il tris con un bolide che Mirarco mette in corner. Infiamma la tifoserie presente (circa duecento persone, una ventina i sostenitori pugliesi) pure mister Sannino con un colpo di tacco a palla uscita fuori. Bene Coda, che impegna seriamente il portiere biancoverde (39′) con un piatto destro prima dell’intervallo. Discrete indicazioni, si può migliorare. Nella ripresa spazio al 3-5-2: fuori Zito, Vitale e Caccavallo, dentro Schiavi, Rossi e Bovo. L’ex catanese va a piazzarsi al centro della retroguardia, con Tuia alla sua sinsitra e Bernardini alla destra; Rossi e Laverone esterni alti con Moro, Odjer e Bovo in mediana. Immutata la coppia d’attacco. Rallentano i ritmi, inizia la girandola di cambi: dentro pure Grillo e Franco (schierato da centrale di sinistra). Applausi per Donnarumma all’uscita (al suo posto Troianiello), l’ex teramano esce a testa bassa. Soffre poco Liverani, che prende il posto di Terracciano, molto di più le corde vocali di Sannino che s’arrabbia con i suoi difensori quando cincischiano troppo in area di rigore. Con Tuia sostituito la fascia di capitano passa sul braccio di Moro. L’acquazzone che si abbatte su Sarnano rende il campo ancora più pesante e la manovra più farraginosa per i granata. Nel finale gloria anche per Proto, inserito a 10′ dal termine al posto di Odjer, ma a rubare la scena è l’eurogol della bandiera dell’ex di turno Mimmo Franco, cresciuto nel settore giovanile granata, che con una staffilata da 25 metri mette la sfera nell’angolino alto: Liverani si tuffa ma non può nulla. Finisce 2-1.
About Raffaele Cioffi 1538 Articoli
Collabora con il sito www.footbalweb.it, segue la Salernitana

Commenta per primo

Lascia un commento