• www.footballweb.it e’ una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli Nord
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Dedicato a Luca Alvieri

Presentato il Giro d’Italia 2019: 3 cronometro e tanta salita

Condividi i nostri articoli

Ieri, nel salotto di “Che Tempo che fa, trasmissione televisiva della Rai condotta da Fabio Fazio, è stato presentato il Giro d’Italia 2019. La corsa rosa sarà completamente italiana, visto che non sono presenti tappe al di fuori dei nostri confini, eccezione fatta per un breve passaggio nella Repubblica di San Marino. Il percorso è caratterizzato da tre cronometro, sei tappe in linea adatte ai velocisti, sette di media difficoltà e cinque frazioni molto dure che saranno decisive per la vittoria finale del Giro. Ben sette gli arrivi in salita e fra questi anche due cronometro. Il via, della 102 esima edizione della Giro d’Italia, a Bologna con la prima cronometro cittadina di soli 8 km e con gli ultimi 2 in forte ascesa (2.1 km al9.7% medio con punte al 16%). Il secondo giorno si ripartirà sempre da Bologna e si comincerà a scendere lungo il centro Italia per poi risalire di nuovo fino alla Romagna. La prima settimana sarà caratterizzata dal passaggio a L’Aquila, a dieci anni dal terribile terremoto che colpì l’Abruzzo.

Laseconda settimana la carovana ripartirà da Ravenna fino a Modena, tappapianeggiante che permetterà ai corridori di attraversare le strade dove unaltro terremoto colpì l’Italia nel 2012. Il Giro entrerà nel cuore della corsacon le prime vere salite: Muro di via dei Principi di Acaja (pendenze fino al20%), la scalata di Montoso, il Colle del Lys dalla Val Susa, la salita di Piandel Lupo, l’acesa del Colle del Nivolet, Verrayes, Verrogne, Truc d’Arbe, ColleSan Carlo, Madonna del Ghisallo, La Colma di Sormano, Civiglio e San Fermo.

Dopo l’ultimogiorno di riposo, subito grandi difficoltà nella prima tappa dell’ultimasettimana: il Tappone alpino  di 226 kmcon 5700 m di dislivello. I corridori scaleranno il Passo della Presolana, laCroce di Salven, il Passo Gavia (Cima Coppi) e il Passo del Mortirolo. In quest’ultimasettimana i velocisti avranno poco spazio a disposizione; l’unica opportunità èrappresentata dalla frazione numero 18, da Valdaora a Santa Maria di Sala.Finale a Verona il 1 Giugno: il Giro terminerà con una cronometro individualesul Circuito delle Torricelle di 15.6 km che ultimerà con il passaggio nell’Arenadi Verona.

Commenta per primo

Lascia un commento