10 Agosto 2022
  • www.footballweb.it e’ una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli Nord
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Dedicato a Luca Alvieri

Polemiche in Formula 1, pilota di riserva della Red Bull sospeso per razzismo

Condividi i nostri articoli

La Red Bull Racing , attuale leader della classifica costruttori di Formula 1 , ha sospeso il pilota di riserva Juri Vips (21 anni) per linguaggio razzista. Juri Vips si scusa per “linguaggio offensivo” La squadra del campione del mondo Max Verstappen ha annunciato che indagherà sull’incidente in cui è coinvolto il pilota estone.  “Juri Vips è stato sospeso da tutte le funzioni della squadra con effetto immediato, in attesa di un’indagine completa sull’incidente. Nella nostra organizzazione, condanniamo qualsiasi tipo di abuso e abbiamo una politica di tolleranza zero nei confronti del comportamento e del linguaggio razzisti “, ha affermato Red Bull. Secondo la stampa, Juri Vips avrebbe fatto osservazioni razziste sulla piattaforma Internet di Twitch. L’estone è impegnato in Formula 2 e si colloca al settimo posto nella classifica piloti. Ha preso parte alle prove libere del team Red Bull nel Gran Premio di Spagna a maggio. La partecipazione ai campionati inferiori richiede ai team di Formula 1 di offrire ai giovani piloti la possibilità di partecipare alle prove libere di un Gran Premio almeno due volte a stagione. “Voglio scusarmi per il linguaggio offensivo usato durante uno streaming. Questo linguaggio è totalmente inaccettabile e non riflette i miei valori e principi. Sono profondamente dispiaciuto per le mie azioni e questo non è l’esempio che voglio dare. Collaborerò con chi indaga” , ha trasmesso la Vips, su Instagram.

Il padre del pilota russo licenziato dalla Formula 1 chiede 20 milioni di euro al team americano Haas

Nikita Mazepin (23 anni)  è stato espulso  dal team americano di Formula 1 Haas, dopo l’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, e il contratto di sponsorizzazione con Uralkali, la compagnia di Dmitry Mazepin (53 anni), il padre del pilota , è stato terminato. La separazione di Haas da Mazepin e Uralkali è avvenuta prima dell’inizio di questa stagione di Formula 1, ma nei conti della squadra statunitense erano già entrati circa 13 milioni di euro dallo sponsor Uralkali. Ora la compagnia russa chiede indietro i suoi soldi, più altri 8,6 milioni di euro di risarcimento, ma è stato rifiutato. Dopo essere stato espulso da Haas, Nikita Mazepin ha intenzione di tornare sul circuito, ma è consapevole di ciò che sta accadendo nell’Europa orientale e aspetta un po’ prima di poter realizzare il suo desiderio. Ognuno ha il diritto di commentare o di astenersi. La FIA mi ha promesso che avrei potuto gareggiare se fossi rimasto neutrale, ma la realtà era diversa. Il problema più grande è che questo sport permette alle squadre di mantenere i propri soldi, anche se non hanno rispettato un contratto. Inoltre, la gente di Haas ci chiede ancora più soldi, anche se continua a dire che non ha bisogno di soldi dalla Russia. Vorrei tornare in Formula 1, sento di poter dimostrare molto di più, ma devo aspettare che le cose si calmino. Il problema è che non so in quale squadra potrei tornare. Haas mi ha deluso, hanno giocato molto sporco “, ha detto Nikita Mazepin, secondo la  CNN 

Condividi i nostri articoli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.