• www.footballweb.it e’ una testata giornalistica
  • registrata presso il Tribunale di Napoli Nord –
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
    Direttore Responsabile: Michele Pisani

FBW – Amorosetti: “Nessuna crisi: la Frattese è viva e persegue un obiettivo”

Condividi i nostri articoli

Hits: 53

Reading Time: 2 minutes

DI STEFANO SICA

Torna alla vittoria la Frattese che, allo Ianniello, asfalta il Real Poggiomarino 5-1 mantenendo salda la terza posizione in classifica alle spalle di Afragolese e Afro Napoli. Primo quarto d’ora difficile per i nerostellati, incappati nel pressing e nel furore agonistico dei biancazzurri, poi implosi dopo il vantaggio griffato Grezio con un magistrale calcio di punizione. Per il tecnico Ciro Amorosetti, intervenuto ai microfoni di FootballWeb, un buon test in vista del match di Coppa con l’Afragolese mercoledì a Frattamaggiore.

L'immagine può contenere: 1 persona, barba, primo piano e spazio all'aperto

GARA OSTICA – “E’ stata una partita difficile nella parte che ha anticipato il gol di Grezio: il Poggiomarino aveva buone idee dal centrocampo in su ed era ben messo in campo. Meritano i complimenti. Noi palleggiavamo poco dalle retrovie e non sfruttavamo adeguatamente gli esterni, specie Sparano. Ormai nessuna partita è facile e credo che il livello di competitività di questo girone si sia alzato. Fatto sta che questa partita l’avevamo studiata bene e sapevamo come abbattere i loro punti deboli difensivi. Infatti abbiamo sfruttato la soluzione dei cross sapendo che su questo punto potevano andare in difficoltà”.

POLEMICHE POST AFRO – “Il riscatto c’è stato e ne sono orgoglioso. Forse qualche critica è stata eccessiva perché, se è vero che il primo tempo a Mugnano era stato insufficiente, nel secondo avevo visto una buona Frattese, capace di reagire. Noi proviamo tante cose in allenamento, lavoriamo su ogni minimo aspetto, poi può capitare che in partita alcune cose non riescano nel modo giusto. Ma mi si creda: dopo la sfida con l’Afro abbiamo parlato molto tra di noi, analizzando ogni sfumatura. Il gruppo è motivato e sul pezzo, e merita sostegno”.

TRIDENTE ATIPICO – “Ho messo Capasso tra le linee in fase di non possesso affinché limitasse il palleggio di Agnello. In fase di possesso doveva allargarsi a sinistra. Ho chiuso con Spavone esterno alto perché è un giocatore con specifiche attitudini offensive. Ha passo e sa mettere buoni palloni in mezzo come ha dimostrato in occasione del quarto gol. Sarebbe perfetto anche come quinto”.

About Stefano Sica 856 Articoli
Giornalista pubblicista e' uno dei fondatori di Footballweb

Commenta per primo

Lascia un commento