• www.footballweb.it e’ una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli Nord
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Dedicato a Luca Alvieri

Erra: “A Salerno non è facile prendere un punto”

Condividi i nostri articoli
Salernitano di Calpazio, ha mosso i primi passi da calciatore nella Valentino Mazzola, ex bandiera dei nemici sportivi della Nocerina, oggi apprezzato mister della garibaldina Vigor Lametia, giunge in sala stampa con un pizzico di delusione. Aveva accarezzato il sogno dei tre punti all’Arechi ma ha dovuto accontentarsi di un pareggio che sa di beffa per come si era messa la gara. Il trainer Erra è andato vicino all’impresa, complice una brutta Salernitana che nella ripresa ha subito le ripartenze dei calabresi e due reti degli ex, Montella ed Improta. “Gli ultimi venti minuti ci siamo messi a quattro per sporcare le traiettorie e su Pestrin l’unico capace di mettere in gioco gli esterni, abbiamo subito due gol in modo ingenuo, un fallo laterale battuto in maniera superficiale e il secondo all’arrembaggio. Siamo una quadra senza difensori centrali, abbiamo cercato di non fare barricate e di sfruttare ciò che la Salernitana ci avrebbe concesso, abbiamo subito gol da un calcio piazzato a 25 metri, abbiamo fatto la partita che ci eravamo predisposti di fare contro una quadra di spessore“. Ma oggi sono stati più i demeriti della Salernitana o i meriti della Vigor?: “E’ chiaro che mancavano pochi minuti e stavamo cullando il sogno di un risultato importante, il pareggio non ci ridimensiona. A Salerno non è facile prendere un punto, non abbiamo fatto respirare la Salernitana. Abbiamo preparato la partita con grande attenzione, la squadra ha un’idea di gioco messa in mostra da 23 partite, abbiamo messo in campo una striscia di risultati negativi ma una squadra che nonostante tante defezioni se la va giocare come a Lecce, non è una squadra allo sbando. La Salernitana è dall’inizio che si è disegnata questo ruolo di squadra cinica e spietata, credo che anche oggi l’abbia fatto vedere, abbia sfruttato al massimo ciò che ha creato, squadra di valore e senza fare il forcing entusiasmante caccia sempre qualcosa perché ha giocatori di categoria superiore“.
Tanti giocatori importanti che però da qualche gara non danno quel valore aggiunto alla squadra da ormai diverse giornate: “Sapevamo che sugli esterni avevano giocatori importanti come Nalini e Perrurlli. Nalini è un giocatore di categoria superiore, ogni avversario soffre davanti a lui, abbiamo comunque tenuto bene nonostante avessimo due ’94 dietro. Non nego che all’inizio del campionato c’avessi fatto anche io un pensiero, pensavo che la Salernitana non lo tenesse, è un ragazzo che da tre anni seguo e ogni volta mi ha sempre entusiasmato, per chi riesce a fare squadre con pochi soldi si va alla ricerca di giocatori dalla ottima resa a poco prezzo, nel ritiro si era già riproposto su grandi livelli e non possiamo competere“. Due giorni alla chiusura del mercato e Salernitana che anche secondo Erra dovrà intervenire per arrivare in testa all’ultima giornata: “La Salernitana se la sta giocando col Benevento, ha un direttore sportivo di grande esperienza, una società solidissima e un allenatore con grande esperienza. Non mi esprimo sul mercato ho altro a cui pensare, chi dovrà operare per la Salernitana ha tutta l’esperienza per farlo“.
About Michele Pisani 2402 Articoli
Giornalista sportivo, iscritto all'albo dopo una lunghissima gavetta. Una passione malcelata per la Formula Uno.

Commenta per primo

Lascia un commento