• www.footballweb.it e’ una testata giornalistica
  • registrata presso il Tribunale di Napoli Nord –
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
    Direttore Responsabile: Michele Pisani

A tu per tu con Sabrina Uccello

Condividi i nostri articoli

Hits: 32

Abbiamo incontrato Sabrina Uccello, collega che si occupa del Napoli e del calcio sudamericano con collaborazioni attraverso vari siti. Sabrina inizia la sua carriera con il calcio giovanile campano, ad appena 17 anni, per poi scoprire che da un semplice hobby è diventato, in seguito, un lavoro. Lavoro che è partito dalla grande passione per uno sport che coinvolge l’italiano medio e non solo. Con le ci siamo soffermati Ci ha espresso sull’inizio tutt’altro che lusinghiero della compagine partenopea.  

 Come hai scoperto il calcio?

Non so se si possa parlare di “scoperta”, forse l’ho sempre conosciuto. La mia famiglia è una famiglia di amanti del calcio, quindi nel tessuto delle mie giornate non è mai mancata l’attesa per una sfida o l’abitudine di scandire giorni e appuntamenti a seconda di quelli sportivi.

Quando hai capito che potesse far parte del tuo lavoro?

Si è trattato quasi di un percorso naturale, che mi sono ritrovata a intraprendere prima ancora di rendermi conto che stesse diventando più di un impegno momentaneo. Ho coniugato la mia passione per la scrittura con l’argomento che preferisco trattare!

Come è cominciata la tua carriera?

Ho cominciato a diciassette anni, prima occupandomi di calcio giovanile campano… poi sono arrivata a scrivere sul Napoli.

Dove lavori ora e per quali testate?

Attualmente sono caporedattrice di calcionapoli1926.it e collaboro con varie realtà sudamericane. Il calcio latino è la mia più grande passione.

Scrivi sul Napoli, cosa pensi dell’inizio di stagione della squadra partenopea?

Credo che si stia faticando a trovare la quadratura del cerchio, ho la sensazione che manchi ancora l’amalgama giusto. Si è continuamente alla ricerca di un’intesa collettiva, che ancora manca anche a causa degli infortuni e del rendimento non troppo eccelso di alcuni “titolari”.

Quali sono gli obiettivi del Napoli secondo te?

Una grande squadra non dovrebbe averne uno soltanto, ma puntare al massimo in tutte le competizioni alle quali prende parte.

Non ti aspettavi di più da Ancelotti?

Da Ancelotti mi aspetto ancora tanto, molto. Per me è nella top 5 di sempre, quindi sono sicura che ci sia molto ma molto altro che ancora non abbiamo visto. Non si è espresso ancora al massimo, sento che sta ancora cercando di plasmare il Napoli e conoscendo fino e in fondo le qualità dei suoi.

Caso Insigne-Ancelotti una tua opinione?

Penso che ogni calciatore debba ascoltare l’allenatore, perché le gerarchie sono fondamentali e vanno rispettate sempre. A volte discutere aiuta a chiarire la realtà e a mettere i puntini sulle i, mi auguro sia stata l’occasione tra i due per farlo.

Var, che ne pensi?

Grande introduzione tecnologica, il problema resta sempre la discrezionalità umana, che ha l’ultima voce in capitolo chiaramente. Per cui bisognerebbe innanzitutto migliorare il giudizio della classe arbitraria e semplificare le regole.

Commenta per primo

Lascia un commento