• www.footballweb.it e’ una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli Nord
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
    Direttore Responsabile: Michele Pisani

FBW – San Giorgio, Ignudi: “Bravi nel primo tempo, meno frizzanti nella ripresa”

Condividi i nostri articoli

Hits: 81

DI STEFANO SICA

San Giorgio double face allo Ianniello. Primo tempo molto positivo, col vantaggio griffato Gala e il raddoppio annullato allo stesso centrale per fuorigioco. Poi il ritorno della Frattese nella ripresa, favorito anche da alcune mosse azzeccate da Teore Grimaldi, col passaggio dal 4-3-3 ad uno schieramento a quattro punte. Resta comunque una buona prestazione per i granata, che sono rimasti in partita fino alla fine. Un motivo di soddisfazione per il tecnico Carlo Ignudi, intervenuto a fine gara ai microfoni di FootballWeb. “Affrontavamo pur sempre la Frattese, a mio avviso la squadra più attrezzata del campionato insieme all’Afragolese – le sue parole -. In effetti nel primo tempo ci siamo mossi meglio, anche se bisognerebbe rivedere il gol del 2-0 che ci è stato annullato per fuorigioco. Mi aspettavo un secondo tempo diverso e, alla fine, ha vinto la squadra che ha sbagliato di meno. Non a caso abbiamo sprecato la possibilità di passare di nuovo in vantaggio con Cafaro. Anche il primo e il terzo gol della Frattese sono stati frutto di nostri regali. Sul pari, la nostra linea difensiva è scappata solo a metà. Il 3-1 è arrivato invece da un fraseggio sulla linea laterale: non si può regalare in questo modo una palla ad un avversario a 30 metri dalla porta. Complimenti comunque alla Frattese, che ha fatto prevalere la propria qualità”.

Nel suo 4-3-3 Crispino ha occupato una posizione di raccordo tra centrocampo e attacco.

“Ci abbiamo lavorato molto in settimana, sapendo che alla Frattese piace occupare la metà campo avversaria. Muovendoci in un certo modo, avevamo intenzione di garantirci la superiorità numerica in caso di recupero palla. Nel primo tempo questa soluzione direi che ha funzionato”.

Quanto vi ha sorpresi il cambio modulo di Grimaldi nella ripresa, col passaggio al 4-2-4?

“Questo era anche preventivabile. Per questo mi sono sgolato molto con i miei centrocampisti: giocando uomo su uomo, avremmo dovuto supportare maggiormente la linea difensiva senza uscire così alti come nel primo tempo. E infatti ci hanno messo in difficoltà sulle palle lunghe potendo disporre di attaccanti importanti. Prendiamo il loro raddoppio: con un nostro centrocampista in appoggio, per Arario sarebbe stato più difficile sfruttare la sponda di Grezio”.

About Stefano Sica 901 Articoli
Giornalista pubblicista e' uno dei fondatori di Footballweb

Commenta per primo

Lascia un commento