• www.footballweb.it e’ una testata giornalistica
  • registrata presso il Tribunale di Napoli Nord –
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
    Direttore Responsabile: Michele Pisani

Un quarto di secolo senza il dio del circus, Ayrton Senna? “Un alieno”

Condividi i nostri articoli

Hits: 17

Ayrton Senna 8 - Cropped.jpg
Nella foto il brasiliano Ayrton Senna

Il 1 ° maggio è stata una data triste per i tanti fan del Circus. Si è celebrato il 25esimo anno da quando il grande Ayrton Senna ha perso la vita. I fan di tutto il mondo hanno voluto ricordare quello che è considerato il più grande talento di sempre del mondo delle corse.

Il 1 maggio 1994 è la data che rimane nella storia. Il tre volte campione del mondo ci lascia, all’età di 34 anni, dopo un terribile incidente sul circuito italiano di Imola. A quel tempo, Senna era considerata una divinità e lo è ancora, perché il suo talento era inavvicinabile in quanto (uno dei pochi) riuscì a esibirsi anche con auto di scuderia non proprio di prima fascia.

Come è morto Ayrton Senna
Il 1 maggio 1994, sul circuito di Imola, Senna era al volante di una Williams-Renault FW16, con la quale haconquistato la pole position (in tutto sette), il brasiliano perde il controllo della sua monoposto prima della fine del Tamburello ad una velocità di 307 chilometri all’ora, colpendo il muro di cemento di 233 chilometri all’ora. Un pezzo della sospensione dell’auto, più precisamente un perno, ha perforato il suo casco. Quando è stato tolto dal relitto dell’auto, i medici hanno stabilito che Senna aveva perso un’enorme quantità di sangue, circa 4,5 litri. Inoltre, ha subito una frattura del cranio, danni cerebrali e una rottura dell’arteria temporale. Più tardi, è morto fuori dall’ospedale. Durante tutto il pre-gara (qualifiche) Senna si era lamentato del fatto che la macchina era meno manovrabile dopo gli ultimi aggiustamenti fatti dai meccanici. A San Marino, ora c’è una sua statua.

Resta nella memoria di tutti gli appassionati una gara di Monaco dal 1984, quando Senna era all’inizio della sua carriera e guidava una vettura della Toleman. Nonostante fosse arrivato 13 °, è riuscito a raggiungere il leader Alain Prost su un circuito in cui è noto che il sorpasso è quasi impossibile. A causa della pioggia, la gara fu interrotta nel 31esimo giro. Durante l’esame della vettura dopo la gara,fu riscontrato che una delle pinne era rotta.

Dopo il suo debutto con la Toleman, firmò con Lotus nel 1985, e nel 1988, ha guidato la McLaren per arrivare alla Williams nel 1994.

Ayrton Senna, maestro sotto la pioggia

Un momento straordinario fu ad Estoril nel 1985 quando ci fu una corsa che rimase nella storia e che dimostrò l’abilità di Senna sotto la pioggia.

I suoi trionfi

-Prima vittoria, Estoril 1985.
-La prima vittoria a Monaco nel 1987.
-3 titoli mondiali per piloti (1988, 1990, 1991).
-41 vittorie.
-80 podi.
-65 pole-position.
-19 volte il giro più veloce.

About Mihai Paraschiv 143 Articoli
Segue il calcio romeno e quello internazionale in generale

Commenta per primo

Lascia un commento