• www.footballweb.it e’ una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli Nord
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Dedicato a Luca Alvieri

Leonardi, l’uomo dall’immancabile sorriso

Condividi i nostri articoli

 

Riccarand, Leccese, De Gennaro, Di Giaimo, Dall’Oro, Del Favero, Viscido, Vulpiani, Zaccaro, Di Venere, Tolio. Era la Salernitana 1980/81, una squadra ricostruita dal nulla, e con niente. Dopo la messa in mora estiva, con il seguente svincolo dei giocatori. Era una vera scommessa quella squadra. Diede vita ad un avvio sfolgorante, sorprendente, sbarazzino. I sogni iniziarono a correre nelle menti dei tifosi , poi però dovettero stopparsi nel peggior modo possibile. Una scossa. Era il 23 novembre. Fu Il terremoto. La testa andò altrove, e la discesa fu inesorabile. Poi arrivarono episodi che oggi sono l’antologia sel calcio salernitano. Ci l’ombrellata a Tuveri, l’elicottero che volteggiava sul Vestuti, e tre mesi di partite in campo neutro. Fu una stagione tormentata, quasi tragica. Arrivò anche la morte del medico sociale Bruno Tescione in quel di Giulianova. Un sorriso però arrivò, ma tardi, molto tardi, solo all’ultima giornata. Si salvarono lottando, gettando il cuore oltre l’ostacolo. Era la Salernitana 80/81, e viene ricordata come squadra che aveva cuore e carattere. Ed oggi tutti dicono all’unisono che erano il cuore e il carattere dell’allenatore. Quell’allenatore era Lamberto Leonardi finito ad 81 anni nella giornata di ieri. Lo stesso tornò a salvare la Salernitana nove anni dopo. Ma era un’altra Salernitana. Una Salernitana che aveva anche Di Bartolomei da recuperare. Correva il mese di Febbraio, Vestuti pieno come un uovo, primo allenamento. Nello stanzone risuonano queste parole. “Io sono il vostro allenatore, Agostino è il vostro capitano. Affidatevi, che ci salviamo”. Parole che diedero una enorme scossa. La Salernitana si salvò’ , e Lamberto Leonardi saluterà ancora. Ma recuperando Ago, mise il tassello della Salernitana che l’anno dopo con Ansaloni torno’ in cadetteria. Leonardi, fu ala pura, piena di dribbling e saette. Giocò nel Varese, nella Roma e nella Juve. Se n’è andato ieri ad 81 anni. Chi lo conosce bene, afferma che avrà salutato la vita terrena con il suo sorriso su suo volto scaltro.

About Raffaele Cioffi 1310 Articoli
Collabora con il sito www.footbalweb.it, segue la Salernitana

Commenta per primo

Lascia un commento