• www.footballweb.it e’ una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli Nord
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Dedicato a Luca Alvieri

Il doppio ex Stefano Trevisanello: “Gara aperta ma avrei preferito le due squadre al completo”

Condividi i nostri articoli

Trevisanello lascia Cavarzere Al suo posto arriva Cerato - La Nuova di Venezia VeneziaUna carriera da calciatore di tutto rispetto. Esordio in massima serie, nel Varese, nel 1974. Due stagioni ad Avellino con 71 gare e ben 8 reti, giunto a Novembre del 1975 l’anno seguente è stato sempre presente (38 gare). Un biennio che lo ha portato a crescere e maturare come uomo e calciatore. A Padova, città dove risiede, una stagione nel 1983-84 prima dell’ultima tappa (dove aveva iniziato) nel Venezia. Tante squadre ma una sola al Sud. Avellino gli e restata nel cuore e ogni volta che ne parliamo ci accorgiamo che per lui il tempo non è mai passato. Legatissimo a all’Irpinia e ai suoi tifosi, Trevisanello ci ha svelato che anche sua moglie ama Avellino visto che è venuta a vivere giovanissima nel capoluogo irpino appena convolata a nozze con il suo Stefano. Prima e scomoda domanda ma l’amico Stefano non si tira mai indietro e risponde senza problemi. Non ti sembra esagerato che si squalificano due calciatori per aver proferito ingiurie durante una gara tiratissima e che valeva una semifinale?Ai miei tempi capitava ma sono sincero e dico che sono d’accordo sulle espulsione quando ci sono entrate pericolose ma ho qualche dubbio al riguardo. Avrei preferito e lo dico da appassionato di questo sport che le due squadre si fossero affrontate con tutti gli uomini al completo, ne avrebbe guadagnato lo spettacolo ma l’Avellino anche senza il suo portiere titolare sarà sempre un avversario ostico da battere e visto che il Padova, in casa, nelle ultime gare ha sempre subito gol io dico che tutto può succedere e addirittura che i biancoverdi possano vincere la gara in Veneto e magari trovarsi in difficoltà in quella del ritorno al Partenio”. Il Padova di Mandorlini ha perso l’accesso diretto proprio sul filo di lana e qualcuno ha pensato che potesse essere problema, invece cosi non pare. “Trenta calciatori, una rosa di tutto rispetto con elementi di categoria superiore come Paponi, Chiricò che è stato preso nel mercato di riparazione e che ha subito fatto la differenza ma poi non dimentichiamoci di Matteo Mandorlini e Rossettini. Il Padova ha in rosa ben otto attaccanti”. L’Avellino? “Non è da meno con Maniero su tutti ma poi ha un duo affidabilissimo come Braglia e Di Somma. Io dico che se ci fosse stata la possibilità di far entrare allo stadio i tifosi mi sarei immaginato il ritorno ad Avellino con lo stadio stracolmo e con quella tifoserie che si ritrovano avrebbero fatto la differenza”. Per chi tifa Stefano Trevisanello? Non ce lo può dire o meglio non posso scriverlo ma io lo so. Forza Lupi.

About Michele Pisani 2446 Articoli
Giornalista sportivo, iscritto all'albo dopo una lunghissima gavetta. Una passione malcelata per la Formula Uno.

Commenta per primo

Lascia un commento