14 Giugno 2024
  • www.footballweb.it e’ una testata giornalistica
  • registrata presso il Tribunale di Napoli Nord –
  • Numero registrazione 22 cronologico 4288/2016.
  • Editore: Gianni Pagnozzi;
  • Direttore Responsabile: Michele Pisani

Champions League: Napoli nella storia, battuto 3-0 l’ Eintracht Frankfurt e accesso ai quarti di finale

Champions League: Napoli nella storia, battuto 3-0 l’ Eintracht Frankfurt e accesso ai quarti di finale

Views: 3

Napoli per la prima nella sua storia ammesso ai quarti di finale di Champions League. 3-0 ai tedeschi dell’ Eintracht Frankfurt e dopo lo 0-2 della gara di andata in terra tedesca, il gioco è fatto. Mattatore dell’incontro è stato, ancora una volta Victor Osimhen, autore di una bella doppietta. Di Zielinski su calcio di rigore, la terza rete degli azzurri. Gara a senso unico, Napoli attualmente, molto più forte dei tedeschi e non solo. E accesso storico per la prima volta nella sua storia ai quarti di finale della Champions League.

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli, dopo la vittoria con l’Eintracht Francoforte e il passaggio ai quarti di finale di Champions League è intervenuto al microfono di Amazon Prime Video: “E’ un gran risultato, ce lo godiamo con squadra e tifosi. E’ fondamentale mantenere l’atteggiamento avuto stasera. All’inizio non siamo stati qualitativi come sempre, ma non abbiamo concesso quasi niente, poi siamo stati lucidi con la testa”.

Guardiola ha detto che il Napoli è la più forte d’Europa: la rende orgoglioso? “No. Non mi rende niente. E’ un giochino che si conosce di mettere le pressioni addosso all’altro, lo fanno tutti, quindi non mi rende orgoglioso. Che si fa, si mette il Napoli davanti al Manchester City che spende 900 milioni per fare la squadra mentre noi ne spendiamo nove? Si fa il giochino che serve a porti là perché poi sicuro devi cadere”.

Il Napoli non aveva mai raggiunto i quarti di Champions League. “Se in tutta la storia del Calcio Napoli non c’eravamo riusciti, è un traguardo mai raggiunto, vuol dire che oggi abbiamo raggiunto un gran traguardo e non era per niente facile”.

Su Osimhen. “E’ un calciatore fortissimo, che ha delle interpretazioni a volte da solista e ti dà questi grandi strappi. Deve riuscire anche a legare con la squadra e ora lo sta facendo, anche con l’Atalanta è stato d’aiuto contro avversari che gli andavano addosso. La pulizia e il far salire una squadra è un’altra componente essenziale”.

Sulle difficoltà del primo tempo. “All’inizio abbiamo perso qualche linea di passaggio, non riuscivamo ad essere blocco-squadra. Non riuscivamo a fare la riaggressione. Nel secondo tempo meglio perché sia Kvara che Politano hanno capito che dovevano rientrare in mezzo al campo, una mezzala si metteva accanto a Lobotka e c’era maggiore possibilità di uscita. Così abbiamo creato più occasioni, anche se le avevamo create già nel primo tempo. Glasner ha cambiato totalmente rispetto all’andata: lì ci aveva aspettato, oggi ha fatto più pressione per tentare di ribaltare il risultato. E’ stato coerente con quanto detta in conferenza stampa”.

Anche Osimhen, oltre a Guardiola, ha detto che il Napoli ha tutto per arrivare in fondo alla Champions League. “E’ giusto questo. E’ giusto che lo dica”.

Ha una preferenza per i quarti di finale come avversario? “No, no, fate voi, noi ci adattiamo”.

Spalletti chiude con un appello spontaneo. “Siccome abbiamo raggiunto un traguardo storico e i nostri tifosi sono felicissimi, ora cerchiamo di essere del livello del traguardo raggiunto, non andiamo a rovinarlo in giro per la città, bensì andiamo a festeggiare contenti e felici, lasciando da parte ogni tipo di provocazione ci possano mettere davanti. Andiamo a festeggiare, a divertirci, a cantare i cori del Napoli. Sempre forza Napoli”.

About Redazione 10589 Articoli
Redazione Footballweb. Inviaci i tuoi comunicati alla mail: footballweb@libero.it (in alternativa sulla pagina Facebook) e provvederemo noi a pubblicarli. La redazione non si assume la responsabilità circa le dichiarazioni rilasciate nei comunicati pervenuti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.