Napoli, verso la sfida con la Sampdoria

Se stai fermo sulle gambe. Se non salti mai l’uomo. Se non fai movimento senza palla. Se non attui i filtranti voluti e provati da Ancelotti. Se eviti accuratamente la precisione spalle alla porta. E sotto porta, ogni cattiveria agonistica. Allora si che Gattuso riesce a mettere a frutto il suo lavoro in linea difensiva e sul vertice basso di centrocampo. Gli basta essere ordinato. Con il duo fisico Musacchio-Romagnoli (quest’ultimo diventato leader paradossalmente al tempo della compresenza Bonucciana) a non far toccar boccia a Milik e Insigne. La nuova spinta a sinistra con Laxalt, valsa a poco, visto che il Diavolo ha solo schierato staticamente i reparti. E con due lanci a scavallare fiaccamente ha saltato i comparti, trovando in Piatek il pistolero infallibile con tanti saluti al Pipita Higuain. Che sia qualità iperoffensiva, o che sia purismo incontrista, che siano Fabian o Zielinski larghi ad accentrarsi, piuttosto che Allan disturbato dal mercato – disturbatore del vicino Diawara, a centrare il gioco; se non hai voglia di concretezza per passare da un campionato immobile ( per cui il brutto pareggio di sabato aveva addirittura fatto allungare sulle inseguitrici grazie alla sconfitta dell’Inter, alla rimonta subita dalla Roma che porta comunque gli azzurri a + 14 dal quinto posto) ad un obiettivo in corsa come quello della Coppa Italia, significa che stai perdendo quel senso di difesa di gruppo. L’appuntamento di sabato alle 18.00 non è con la Sampdoria. Ma in primis con il ritrovamento dei ranghi del ruolo. Koulibaly deve tornare ad essere il comandante di una retroguardia che dialoghi con la stessa lingua del fraseggio di metà campo. Insigne a centro area, come defilato a sinistra, deve uscire dall’involuzione di goal beniteziana. Milik deve restare riferimento ultimo con il Milan come con il Chievo. Poi c’è la Samp. Solo così si potranno nuovamente arrestare i perfetti tempi e spazi d’inserimento nella fattispecie di Quagliarella-Saponara-Linetty, come da terzo goal contro l’Udinese.

Ti è piaciuto l\'articolo?

Vota da 1 a 5

risultato / 5. Numero voti

As you found this post useful...

Follow us on social media!

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

248total visits,1visits today

Lasciate un vostro commento

Lascia un commento