Viola Rock: Blowin’ in the wind

Hits: 44

Servizio di Enzo Paudice @riproduzione riservata

A questo punto viene da chiedersi come sia successo che tre mesi prima della fine del campionato la Fiorentina sia già fuori dalla corsa Europa, obiettivo primario di questa stagione ? “La risposta sta [ancora] soffiando nel vento” come in una nota canzone di Bob Dylan. Nel vento di Cagliari più precisamente. Quello che la squadra di Pioli non ha saputo sfruttare quando se l’è trovato a suo favore, e che non ha saputo contrastare quando se l’è trovato contro. In quel vento che non è tuttavia una scusante per il modo osceno con cui la squadra si è lasciata dominare dalla squadra di Maran.

E nel vento, “my friend“, si sussurra che la Fiorentina ha mollato. Si è lasciata trasportare, senza opporre resistenza, dal vento della sua modestia, per cadere alla fine in quel limbo di mediocrità, dove non esistono più obiettivi. Ed ora inevitabilmente scatta il gioco del “trova il colpevole”, al quale non ci presteremo.  Perché se è vero che quando si vince il merito è condiviso tra tutte le parti, è altrettanto vero che la colpa ricade inesorabilmente sulla testa di tutti quando si perde.

E sempre nel vento, si sussurra che ci aspettano tre mesi di noia assoluta, tre mesi da vivere, per l’ennesimo anno, da comparsa e mai da protagonisti. Certo, ci rimane ancora una speranza, minima, ovvero che la Fiorentina vinca la Coppa Italia. Più facile a dirsi che a farsi – e infatti “ve lo dico” direbbe Battisti – perché qui si parla di vere e proprie imprese. Vincere a Bergamo e eventualmente vincere la finale contro una tra Lazio e Milan. Scusateci allora se il nostro ottimismo è tutt’altro che alle stelle, perché a Cagliari il vento si è portavo via anche quello.

Stay Rock and Forza Viola
DA13

About Enzo Paudice 130 Articoli
Trentenne, storico dell'arte, amante della musica rock anni '60, '70 e '80 e soprattutto tifoso viola. Tutto questo per footballweb.it

Commenta per primo

Lascia un commento