Corso Uefa B, alla ricerca di un sogno

Hits: 360

Servizio di Maurizio Longhi @riproduzione riservata

Il sogno di tanti ragazzi passa da un corso, perché non si può prescindere dalla formazione e l’aggiornamento. Il sogno è quello di allenare una squadra giovanile o un club dilettantistico, per poterlo fare c’è un’abilitazione da conseguire al termine di un corso, quello per allenatori di base Uefa B, che presenta lezioni di tecnica e tattica, metodologia d’allenamento, psicologia, medicina sportiva, carte federali, regolamento e primo soccorso. Insomma, una preparazione ad ampio raggio da offrire a chi vuole allenare e non si può improvvisare, un tecnico che voglia definirsi tale deve esserlo già nella testa e poi dimostrare di avere anche il carattere adatto. Del resto, superare un esame è anche il modo migliore per avere sia credibilità verso il gruppo che si avrà a disposizione, sia autorevolezza nello spogliatoio, poi è naturale che i segreti del mestiere si imparino con l’esperienza sul campo, ma è necessaria anche la parte teorica. Un gruppo lo si impara a gestire giorno dopo giorno, imparando ad avere diversi tipi di approccio, la capacità di entrare in empatia con ciascun elemento dell’organico, ma ci sono delle nozioni che possono venire in soccorso di un allenatore solo se ha avuto la possibilità di studiarle. Lo studio allena la mente e chi più di un allenatore deve tenerla sempre operativa? Le partite vanno studiate durante la settimana, poi nel corso dei 90’ bisogna saperle leggere per poterle indirizzare, quello sì, ma lo studio precede la pratica. Il calcio è una disciplina sulla quale in troppi pretendono di avere voce in capitolo senza averne le competenze, quelle che si acquisiscono con la dovuta formazione, purché presenti caratteri di serietà, costanza e completezza. Solo con una doverosa quanto rigorosa selezione, il calcio può essere sfrondato degli aspetti che ne immiseriscono il livello valorizzando concetti come preparazione, qualità e padronanza degli argomenti. Il mondo dell’allenatore presenta una miriade di sfaccettature nelle quali teoria e pratica si intersecano, ragion per cui il corso prevede anche un tirocinio coordinato da docenti del settore tecnico. Possono iscriversi al corso coloro che abbiano compiuto 23 anni e siano residenti in Campania. Questi i nominativi di coloro che vi hanno già partecipato: Abbate Beniamino, Aurino Luca, Battaglia Alex, Buonincontro Salvatore, Carlevalis Pierluigi, Carotenuto Antonio, Caruso Luigi, Comentale Raffaele, Di Martino Veronica, Esposito Alessandro, Esposito Daniele, Esposito Diego, Fasano Salvatore, Fiorillo Domenico, Fiorillo Mariano, Frascogna Gennaro, Fulco Beniamino, Giaccio Giuseppe, Imparato Roberto, Iovene Francesco, Iovino Gaetano, Iseo Rosario, Marano Giuseppe, Marano Leonardo, Marino Sandro, Masciari Pierluigi, Mattiacci Alessandro, Monda Alessandro, Morelli Davide, Morra Roberto, Napolitano Mario, Petrazzuolo Amedeo, Persico Francesco, Piro Paride, Ranavolo Palmerino, Ralli Raffaele, Salomone Nicola, Santangelo Ciro, Sicuranza Carlo, Sommella Fabrizio, Troise Francesco, Vairo Pasquale, Vigliotti Arcangelo Gabriele.

Autore dell'articolo: Maurizio Longhi

Giornalista pubblicista e' uno dei fondatori di www.footballweb.it

Lascia un commento