Footballweb ©2014-2017 – Tutti i diritti riservati. Reg.n° 22/2016. Direttore Resp: Michele Pisani

Salernitana, parola a Fabiani

La Salernitana è ritornata al lavoro ieri pomeriggio, sul sintetico del campo Volpe, per iniziare la preparazione della gara in programma domenica pomeriggio allo stadio Arechi contro la Cremonese. Una sfida ostica, che vedrà fronteggiarsi due squadre vogliose di restare nelle zone alte della classifica: “Domenica la Cremonese ci darà filo da torcere, fino ad oggi ha ottenuto risultati importanti. Nel complesso, però, tutte le squadre di questo torneo stanno facendo bene, non ricordo un campionato con una classifica così corta dopo quattordici giornate – ha detto il direttore sportivo Angelo Fabiani, presentando la gara ai microfoni di Lira Tv – Un po’ tutti stiamo facendo buone cose, bisogna affrontare ogni partita con la stessa determinazione per evitare situazioni critiche. Purtroppo con i se e con i ma non si costruisce nulla. Abbiamo questi punti, dobbiamo continuare a lavorare e poi quello che si poteva fare o quello che si è fatto lo lasciamo agli annali del calcio. Dobbiamo guardare avanti senza piangerci addosso”.
Anche perchè le defezioni non mancano mai: “A volte da un male nasce un bene. Oggi evidentemente un po’ tutti all’interno dello spogliatoio sono consapevoli della forza che hanno. Questa squadra ha dimostrato di sapersela cavare sempre, anche quando le defezioni sono tante. C’è un’alchimia giusta sotto tutti i punti di vista. Di Roberto? Non lo scopriamo di certo noi. E’ un ragazzo che ha fatto campionati su campionati e ne ha vinto anche uno di recente col Crotone. Un ragazzo navigato ed eccezionale, risulterà utile per noi”. Ieri, invece, c’è stata un’altra puntata della telenovela Rosina. Nuovi accertamenti per il calciatore e nuovo comunicato della Salernitana: “Lo staff medico s’è tenuto largo (30 giorni di stop, ndr) per cercare di recuperare definitivamente Alessandro. Magari la voglia affrettata di tornare in campo anzitempo lo poteva esporre a brutte figure. Aspettiamolo perché Rosina al 100%, può dare un grosso contributo per quel che riguarda il raggiungimento degli obiettivi che ci siamo stabiliti. Non c’è nessun caso, i comunicati testimoniano la sintonia tra tutte le componenti delle società. Una cessione di Rosina a gennaio? E’ più facile che venga ceduto Fabiani…”.
Che aggiunge: “Inizialmente non s’è data fiducia a questa rosa visto l’arrivo di alcuni giocatori sconosciuto o semi-sconosciuti. É stato dato un giudizio affrettato, dissi di aspettare l’inizio del campionato. Non c’è stato un momento critico in particolare, ovviamente alcune defezioni pesano ma come dicevo prima da un male è nato un bene. Questo dà equilibrio allo spogliatoio, tutti sanno di poter essere protagonisti. Popescu è dotato di un sinistro straordinario, diciamo che è un po’ come Vitale. In quel ruolo non eravamo corti ma quasi ed è stato fatto anche un investimento importante su un giocatore che andava per la maggiore già lo scorso anno. Mi dispiace per il Modena, c’erano dei mezzi discorsi con il ragazzo che da subito ha detto sì alla Salernitana senza considerare altre richieste che aveva. A gennaio credo sia davvero difficile muovere qualche pedina e questo per l’equilibrio che si è creato all’interno dello spogliatoio anche grazie all’allenatore. C’è da dire che in termini numerici la rosa è nutrita – ha concluso – Faccio fatica a dire che questa rosa può essere migliorata. Sarebbe ingiusto nei confronti di questi ragazzi”.

261total visits,1visits today

About Raffaele Cioffi 878 Articoli

Collabora con il sito www.footbalweb.it, segue la Salernitana

Commenta per primo

Lascia un commento