Footballweb ©2014-2017 – Tutti i diritti riservati. Reg.n° 22/2016. Direttore Resp: Michele Pisani

F1: Gp di Shangai, vince Ricciardo, strategia suicida della Ferrari

Per Verstappen punizione indolore

Risultati immagini per verstappen incidente con la ferrari
Fonte motorpsort

Strategie diverse, motivazioni uguali. Più o meno. Alla partenza Vettel resiste all’attacco di Bottas che supera Raikkonen. Il solito Verstappen guadagna posizioni a scapito del finlandese e di Hamilton che è solo quinto. Mentre Sebastian ha un buon ritmo, Kimi non riesce a recuperare terreno. Al primo cambio degli pneumatici molti piloti passato da ultra-sof e soft a media. Strategia preferita? Vedremo cosa faranno le big. Detto, fatto. Al 18 giro anche le Red Bull scelgono le medie con Verstappen e Ricciardo che ritornano in pista al quinto e settimo posto. Al 19esimo giro anche Hamilton sceglie le medie, seguito da Bottas nel giro successivo. Si aspetta la decisione delle Ferrari. Sacrificato Raikkonen, Vettel torna la box al 21esimo giro e perde la testa della classifica ad appannaggio di Bottas. Il finlandese della Ferrari? Resta in pista a perdere tempo e terreno. In un solo giro la Mercedes di Valterri guadagna cinque secondi, la decisione (sbagliata) della Ferrari penalizza i due suoi piloti. Inspiegabile la ‘dormita’ del box delle rosse. Raikkonen resta in pista e perde terreno, con molta probabilità rientrerà in pista dietro Hamilton e Ricciardo. Al 28esimo giro Raikkonen entra al box (medie anche per lui). Risultato? Perdere 2 posizioni (12 secondi dietro l’australiano)per favorire il compagno di scuderia che non riesce a sorpassare Bottas. Strategia suicida. Bottas ha un problema con la posteriore destra, Vettel viene informato via radio. Vedremo cosa farà il leader della corsa. L’incidente tra le due Toro Rosso rimescola le carte in tavola con l’ingresso della Safety-Car al 32esimo giro. Le due Red Bull cambiano gli pneumatici, ne approfitta Hamilton che si ritrova al terzo posto, Raikkonen in mezzo alle due monoposto austriache. Si riparte con Bottas che prende il largo da Vettel, Hamilton ha il fiato sul collo di Verstappen con gli pneumatici nuovi.  Al 38esimo giro Raikkonen viene superato da Ricciardo. Pillole di spettacolo al 39esimo giro con Hamilton che resiste ad un attacco di Verstappen e lo getta fuori pista, ne approfitta Ricciardo che supera Hamilton e si lancia alla caccia del duo di testa. Al 42′ giro Verstappen supera Hamilton (le due Red Bull) sono le favorite per la vittoria finale. L’australiano supera Vettel e si porta alle spalle del leader della corsa, Verstappen (come al solito) sperona il tedesco che scivola al settimo posto, Raikkonen è terzo. Al 45esimo giro Ricciardo supera Bottas ed è primo. Giusta punizione per la guida dell’olandesino volante che si becca 10 secondi di penalità, nel frattempo il pilota della Red Bull supra Hamilton che lo lascia passare (magari per evitare un incidente visto la guida di Max). Il gran Premio cinese doveva consegnare una tripletta a Vettel e portare due Ferrari sul podio, il risultato è tutt’altro che lusinghiero. Vince Ricciardo dietro Bottas, terzo Raikkonen poi Verstappen (che cede il posto per la penalità di 10 secondi), Hamilton, Hulkenberg, Alonso e solo ottavo Vettel.

399total visits,3visits today

About Michele Pisani 2116 Articoli
Giornalista sportivo, iscritto all'albo dopo una lunghissima gavetta.

Commenta per primo

Lascia un commento