Europa League: Napoli ai quarti

Dopo il 3 a 0 del San Paolo, il Napoli è sceso in campo alla Red Bull Arena con parecchie certezze e speranze che si sono poi certamente fortificate dopo il vantaggio al 14’. La partita infatti è stata sbloccata da un ispiratissimo Milik, autore di un bellissimo goal, un tiro forte e preciso che ha messo KO il portiere Walke. La gara è stata affrontata, soprattutto nella prima mezz’ora, con lucidità e mentalità vincente. Dopo il gol subìto, che ha reso ancor più difficile il già arduo compito degli austriaci di provare a ribaltare il risultato, i tenaci ragazzi del Salisburgo hanno però più volte tentato di andare sotto porta fino ad ottenere il pari al 25’. Nel secondo tempo gli azzurri sono stati molto meno lucidi ed hanno subito continue incursioni da parte degli avversari che, alla fine, hanno vinto per 3-1. Per fortuna gli uomini di Ancelotti avevano già blindato il risultato segnando 3 reti all’andata e centrando subito la porta nei primi minuti del match alla Red Bull Arena. Eppure gli austriaci, ormai consapevoli della (quasi) impossibilità di riuscire a passare il turno, hanno comunque portato a casa un risultato positivo e molto apprezzabile.
Il Napoli, comunque, vola ai quarti, conscio di dover dimostrare tutto il suo valore e cercare di conquistare la finale. I sorteggi per i quarti si terranno a Nyon alle 13: le possibili avversarie sono Chelsea, Arsenal, Villareal, Valencia, Entracht Francoforte, Slavia Praga e Benfica. Non sono previste teste di serie, pertanto potranno sfidarsi anche club della stessa nazione. Il Napoli adesso è l’unica squadra italiana in competizione e crede moltissimo a questo torneo, l’unico per il quale può lottare quest’anno, essendo ormai fuori dalla corsa scudetto e dalla Coppa Italia.

Ti è piaciuto l\'articolo?

Vota da 1 a 5

risultato / 5. Numero voti

As you found this post useful...

Follow us on social media!

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

155total visits,2visits today

Lasciate un vostro commento

Autore dell'articolo: Rossella Procida

Lascia un commento