Serie D: vincono Avellino e Lanusei.Lupi sempre a -5

Hits: 24

C’è voluto un gol di testa di Nando Sforzini all’Avellino per piegare le velleità di un ottimo Budoni che per poco non riusciva nell’impresa storica di uscire indenne dal Partenio.

Privo di alcuni uomini fondamentali come Parisi e Alfageme e Morero i lupi sono riusciti nell’ardua impresa di complicarsi  una gara sbloccata da Capitanio al 27°del primo lesto a ribadire di testa nell’area piccola portiere avversario una schiacciata sempre di testa di Matute, ma non messa in cassaforte per via di alcune clamorose pallegol fallite da Sforzini prima del pareggio degli ospiti.

Sotto una pioggia battente e contro un buon avversario, la saga dei gol mancati per l’Avellino continuava anche nella ripresa  sia per imprecisione che per la giornata di grazia del portiere avversario che capitolava finalmente ad una manciata di minuti dal novantesimo consegnando così la vittoria ai lupi.

Purtroppo però dalla Sardegna non arrivano notizie buone visto che anche oggi il Lanuesei contro un OstiaMare ridotto in dieci riusciva a far sua l’intera posta in palio grazie ad un penalty concesso su segnalazione del guardalinee.

Tutto ciò però toglie meriti alla squadra di Bucaro capace di vincere le ultime sette gare consecutive ,la decima nelle ultime undici blindando così la seconda posizione che in caso di vittoria dei playoff significherebbe seMarcatori: 19′ ptCapitanio, 26′ pt Spano, 41′ st Sforzini.

Avellino (4-4-2):Viscovo 6,5; Betti 6,5, Dondoni6(40′ st Pepe), Capitanio 6,5, Dionisi6; Tribuzzi 6,5, Matute 7 (8′ st De Vena), Di Paolantonio 6,5 (30′ st Gerbaudo), Da Dalt6(19′ st Ciotola); Mentana 5,5 (8′ st Buono), Sforzini 6.5.

A disp.: Pizzella, Patrignani, Omohonria, Corcione. All.: Bucaro.

Budoni (4-4-1-1): Donini; Musu, Varrucciu, Farris (43′ st Raimo), Pantano; Varela, Spina, Steri, Spano; Sariang; Villa.

A disp.: Trini, Moro, Saiu, Santoro, Cisse, Gungui, Murgia, Pusceddu. All.: Cerbone.

Arbitro:  Sicurello di Seregno.

Guardalinee: Pizzi  e Pavonerie c sicura.

Commenta per primo

Lascia un commento