Footballweb ©2014-2017 – Tutti i diritti riservati. Reg.n° 22/2016. Direttore Resp: Michele Pisani

Perugia, Santopadre: “Tutto cambierà con risultati sportivi soddisfacenti”

 Dopo la laguna blu veneta da ‘sprofondo’ rosso, e l’annunciato ritiro in quel di Cascia, quantomeno per chiudere gli spifferi e non continuare a far acqua; squarciante quello che suona come un vero e proprio monito del Presidente del Perugia Massimiliano Santopadre. Tutto questo cambierà ma solo passando per i risultati sul campo prima. Punto saliente della nota ufficiale del numero uno biancorosso. Chiamando poi a raccolta tutte le componenti interne ed esterne a far passare questo momento di sconforto e di incertezza di uno spogliatoio ritenuto tuttavia coeso. Cogenza determinata dalla fresca sconfitta inflitta dall’ex attaccante, attuale coach del Venezia Filippo Inzaghi, che ha affondato Breda ed i suoi, facendo piombare su quest’ultimo il fantasma del redivivo ritorno di Giunti esonerato solo tre partite fa. Si tratta di rumors. Ma che si rincorrono pur sempre rimbalzando dai social alla prossimità reale dell’ambiente circostante. Il buon senso dell’impossibilita’ del momento prende il sopravvento sul clamore. E la certezza la da’ la Società nell’ufficialita’ della nota relativa alla concentrazione da ritrovare a Roccaporena, per riprendere una classifica che vede i biancorossi allo stop praticamente da quasi due mesi inabissati. Fa il palio il Comunicato ufficiale in vista del pre Carpi di sabato prossimo. Intanto lo stesso Inzaghi non accontentandosi della fase di finalizzazione scarna dei suoi, ha affondato di fatto il dito nella piaga di un Perugia che sembra sempre in balia di ogni aziona avversaria. Ci mette la faccia Raffaele Bianco, che ai microfoni dopo gara anche con linguaggio colorito per dare una scossa in ogni modo, avvisa compagni più giovani e non solo, che di questo passo il rischio retrocessione è tutt’altro che virtuale. L’autore del goal jolly Garofalo ha ‘trovato una squadra contro ben piazzata’ facendo però capire che come nell’occasione della rete si fosse maggiormente compattata nell’aggressivita’ di chiusura, così in campionato a ritrovare questa vicinanza, possa ancora riprendersi. Roberto Breda, neo tecnico perugino vorrebbe far ritornare i ragazzi a concentrarsi solo sulle cose di campo, ‘visto che stanno spendendo energie pleonastiche per situazioni collaterali’. Insomma un mosaico che non riesce ad incastonare il pezzo bandolo della matassa per l’effetto domino positivo. Due punti in tre partite. Troppo poco per ‘normalizzare’ la piazza. Compito a cui è stato chiamato all’improvvisa crisi ‘giuntiana’. Con l’Avellino sorpreso dal modulo difensivo a tre di mister Novellino, e contro il Venezia tenuto a bada dal baricentro basso di mister Inzaghi. Quest’ultimo più volte eloggiando la panchina biancorossa con la qualità di giocatori come Belmonte e Di Carmine su tutti, getta implicitamente un’ombra lunga sul Breda allenatore, che va oltre quella di un paventato terzo trainer di ritorno o meno che sia. Ma oggi l’attenzione è tutta sul decifrare il Santopadre pensiero.

839total visits,39visits today

About Michele Pisani 1968 Articoli
Giornalista sportivo, iscritto all'albo dopo una lunghissima gavetta.

Commenta per primo

Lascia un commento