Footballweb ©2014-2017 – Tutti i diritti riservati. Reg.n° 22/2016. Direttore Resp: Michele Pisani

Valdiano-Nola, il bersaglio e la fuga

Un tiro al bersaglio. Il Valdiano centra quello grosso: conquista i tre punti contro il Nola, col minimo sindacale e spendendo un’espulsione, che costringe i padroni di casa all’inferiorità numerica per metà ripresa. La squadra di Criscuolo si conferma nei piani alti della classifica e adesso morde le caviglie della capolista Agropoli. Gli ospiti, invece, rimangono preda degli errori sotto porta e si “accontentano” di centrare Robertiello, il portiere dei locali.

CONFERME E SORPRESE – Criscuolo deve fare i conti con alcune defezioni importanti, ma riesce ad imbastire un 4-4-2, che si rivela solido ed efficace. Davanti a Robertiello, custode dei pali, la coppia centrale è formata da Abbate e Magliocca, con le fasce delegate agli under Esposito e Casella. Linea a quattro anche in mediana: Comegna e Della Femmina al governo centrale, a Farano ed Aracri il compito di occupare gli esterni. Attacco a due, con il giovanissimo Priscianelli che va a far coppia col bomber Trimarco. Liquidato sceglie invece di sparigliare le carte e giocare l’effetto sorpresa. Il Nola, infatti, si schiera con un inedito 3-5-2. Con Avino tra i pali, la cerniera di difesa è formata dal rientrante Mocerino, Schioppa e Lenci. I tornanti sono gli under Gioventù, a destra, e Falivene, a sinistra. Castiglione, Falanga e Sacco occupano la mediana, mentre in attacco Tagliamonte va a fornire peso supplementare alle offensive di Zaccaro.

LA FUGA E LA LATITANZA – La scelta di Liquidato, in prima battuta, non pare pagare. Il Valdiano entra meglio in partita e controlla con relativa tranquillità la manovra bianconera. I primi dieci minuti scorrono veloce, in una fase di studio prevedibile. Alla volta del 10′, però, i padroni di casa sbloccano il punteggio. La difesa del Nola ha un’indecisione fatale, Trimarco ne approfitta e con un diagonale chirurgico infilza Avino senz’anestesia. E’ una svolta imprevista, che sulle prime lascia la squadra ospite interdetta ed incapace di reagire in maniera convincente. Infatti, al 15′, anche Farano penetra in area, ma il suo cross è letto bene da Avino. Alla soglia della mezz’ora, il Nola si scuote: Zaccaro ruba palla a Casella, pesca Sacco tutto solo al centro dell’area, ma il colpo al volo dell’ex Mariglianese finisce alle stelle. Poche emozioni sembrano accompagnare le squadre agli spogliatoi, ma la gara si infiamma proprio nei minuti finali della prima frazione. Il Valdiano sfiora il raddoppio con Abbate, che riesce solo a sfiorare un corner affilatissimo di Della Femmina. Poi, un minuto dopo, l’azione tambureggiante del Nola. Zaccaro va via sulla destra con un doppio dribbling, ma non sfonda col cross. Gioventù raccoglie la respinta della difesa di casa e serve Sacco al centro, che controlla di destro e conclude di sinistro, trovando però Robertiello attento. L’occasione più ghiotta della prima frazione per gli ospiti, però, arriva qualche minuto dopo. E’ ancora Sacco a prodursi in un’acrobazia sull’angolo battuto da Falanga, ma Robertiello si supera nel disinnescare il primo tentativo e quello successivo di Lenci, a colpo quasi sicuro. Ultima emozione di marca Valdiano: solito angolo preciso di Della Femmina, solita solitudine di Abbate sul secondo palo, che grazia ancora Avino spedendo a lato di testa.

SOTTO ASSEDIO – Sotto di un gol e determinato a trovare il pari, il Nola rientra in campo con la mentalità di riacciuffare il fuggitivo Valdiano. A conti fatti, però, per tutto il primo quarto d’ora della ripresa, le idee bianconere sono confuse e poco efficienti. L’unico tiro in porta dei primi venti minuti è una punizione di Della Femmina, che Avino controlla con facilità. A svegliare lo spirito di riscossa sopito degli ospiti, però, ci pensa Comegna che si guadagna l’espulsione con un fallo di reazione, lasciando il Valdiano in 10 al 20′. Il baricentro del Nola si impenna verso l’area avversaria. Zaccaro offre lo spunto a Gioventù per l’assist a Tagliamonte, ma l’attaccante si fa anticipare dalla diagonale di Esposito. Il biondo centravanti bianconero si riscatta un minuto dopo rubando palla, ma si fa ipnotizzare da Robertiello in uscita, quando si tratta di concretizzare lo sforzo. Liquidato capisce che è il momento di giocare il tutto per tutto ed inserisce Marotta per Falivene e Thiam per Tagliamonte. L’intenzione di spingere col piede sull’acceleratore è chiara. La prima chance creata dai nuovi entrati arriva di lì a poco: Marotta apparecchia, Sacco fa sponda, Thiam riceve da ottima posizione, ma spara largo sprecando tutto. La spinta aumenta, Mocerino si porta in avanti e prova a cercare la testa di Thiam, che incorna debolmente. Ci prova anche Sacco su punizione: la potenza c’è, la mira è carente ed il tiro non impensierisce Robertiello. Il portiere ex Salernitana, qualche minuto dopo, deve ringraziare il palo, quando Zaccaro taglia in area e cerca il primo palo, di fatto cogliendone in pieno la base. I cross in area del Valdiano cominciano a piovere copiosi, Lenci rifinisce per Zaccaro, ma Robertiello è attento e chiude tutto. Così come al 45′, quando Sacco spara dal limite una botta centrale e l’ex pararigori del Chieti fa vedere di avere ancora ottimi riflessi, alzando in corner. L’agonia degli oltre sette minuti di recupero finali non aggiunge nulla al tabellino e sancisce la sesta vittoria stagionale del Valdiano.

A fine gara, Criscuolo ringrazia la dea bendata, recriminando sulle troppe occasioni concesse al Nola. I sorrisi di felicità, però, sono tutti per lui, che ha preso per mano una squadra da miglio verde dell’Eccellenza nell’inverno scorso e l’ha portata, adesso, a 2 punti dalla vetta del girone. Sorrisi anche per Liquidato, ma di tutt’altro stampo. L’amarezza sul volto del tecnico bianconero si nasconde a fatica. Dopo il pari casalingo col Sant’Agnello, arriva un’altro risultato non positivo, con lo stesso fil rouge: la casella zero alla voce gol segnati. Un problema non di poco conto, che rischia di offuscare le ottime prestazioni della squadra.

TABELLINO

VALDIANO-NOLA 1-0

VALDIANO: Robertiello 7, Esposito 6.5 (16’st Petriccione 6), Casella 6, Della Femmina 6.5, Abbate 6, Magliocca 6 (1’st D’Alto 6, 31’st Limatola 6), Priscianelli 6, Comegna 5.5, Trimarco 6.5 (37’st Delle Donne 6, 50’st Isoldi sv), Aracri 6.5, Farano 6. A disp. . All. Criscuolo 6
NOLA: Avino 6, Mocerino 6, Schioppa 6.5, Castiglione 5.5 (35’st Alfieri sv), Lenci 6, Falivene 6 (27’st Thiam 6), Gioventù 6, Tagliamonte 6 (27’st Marotta 6.5), Zaccaro 7, Falanga 6, Sacco 6.5. A disp. . All. Liquidato 6.5
ARBITRO: Schiavon di Treviso 7.
RETI: 11’pt Trimarco.
NOTE: Ammoniti Della Femmina, Farano, Mocerino, Falivene, Alfieri. Espulso Comegna. Spettatori 200 circa.

Servizio di Valerio Lauri ©riproduzione riservata
Twitter: @Val_CohenLauri

977total visits,24visits today

About Valerio Lauri 683 Articoli
Nato nella Nola di Giordano Bruno e cresciuto a pane e calcio. Amante della parola scritta, evasione dalle indigestioni di matematica e informatica universitarie. Appassionato di musica a 360 gradi e lettura, nostalgico ma teso alle novità.

Commenta per primo

Lascia un commento