Flash News
25 settembre 2018

Footballweb ©2014-2017 – Tutti i diritti riservati. Reg.n° 22/2016. Direttore Resp: Michele Pisani

Inter Napoli 0-0, gli azzurri perdono la testa della classifica

servizio di Vincenzo Capretto ©riproduzione riservata


Un Napoli nervoso e poco cinico non va oltre lo 0-0 contro l’Inter e abdica la testa della classifica a favore della Juventus vittoriosa ancora una volta contro l’Udinese. Partita brutta e con poche emozioni, vince la paura per entrambe le squadre.

Nel primo tempo l’unica mezza opportunità è dell’Inter con un tiro da fuori di Candreva che sfiora il palo.
Nella ripresa con la stanchezza che prende il sopravvento si vede qualcosa in più. L’Inter colpisce un palo con un colpo di testa di Skriniar mentre il Napoli sfiora il vantaggio due volte con Insigne: prima con un tiro a giro che finisce fuori di poco e poi con una “scavetto”, probabilmente fuori luogo, con la palla che finisce sopra la traversa. Il Napoli con poche idee ci prova con Mertens ma ancora una volta senza precisione. La partita finisce con uno scialbo 0-0.

Reuters

Il Napoli fin dalle prime battute sembra essere poco lucido e soprattutto poco incisivo. Troppi errori in fase di costruzione e di appoggio nonostante la buona velocità di giro palla. Di fronte una buona Inter che pressa in ogni parte ed in ogni dove ma nonostante questo gli azzurri con i minuti prendono in mano le redini del match anche se non riescono mai a rendersi veramente pericolosi. Il punto di forza degli azzurri questa sera diventa il punto debole, la fase offensiva sbaglia sistematicamente tutte le scelte negli ultimi sedici metri e quando finalmente arriva la giocata da Napoli, Insigne a tu per tu con Handanovic decide di fare il pallonetto invece di “bucare” la porta, magari anche con un tiro sporco. Campionati del genere si vincono con i piccoli dettagli e questo potrebbe essere stato uno decisivo. Non possiamo e non vogliamo buttare la croce su una squadra che ha davvero dato tutto e che siamo certi darà ancora tanto ma è palese ed evidente che il Napoli oltre ad avere una rosa ampiamente inferiore alla Juventus manca ancora nel gestire certe pressioni e palesa evidenti limiti mentali.
La sensazione è che il campionato del Napoli sia finito con il goal di Dybala otto giorni fa al 94’ minuto a Roma, non tanto per i numeri ma per un fattore mentale, forse la troppa pressione di queste settimane su una squadra così giovane ed inesperta è stata davvero logorante.
C’è anche da dire che non si comprende perché nel girone di ritorno è stato deciso di utilizzare all’uncino il VAR e “condizionare” certe partite. Questa è un’altra storia.
Probabilmente il sogno è svanito ma è chiaro che fin quando la matematica non dirà il contrario, gli azzurri e l’ambiente Napoli deve continuare a crederci.

Una menzione ai tifosi azzurri, stasera con le oltre dieci mila presenze hanno supportato la squadra dal primo all’ultimo minuto facendo sentire tutto il calore di un popolo ai giocatori, è da quì che bisogna ripartire. Il sorpasso ormai è fatto e virtualmente anche il -4 ma il Napoli deve continuare a divertirsi ed a far divertire come ha sempre fatto, comunque vada gli applausi ci saranno lo stesso!!

860total visits,1visits today

Lasciate un vostro commento

About Vincenzo Capretto 115 Articoli
Appassionato sin dall'infanzia di calcio ed in particolar modo del Napoli. Laureato in scienze organizzative e gestionali si occupa per FootballWeb dal dicembre 2016 prevalentemente del Napoli e dell'ambiente azzurro.

Commenta per primo

Lascia un commento