Footballweb ©2014-2017 – Tutti i diritti riservati. Reg.n° 22/2016. Direttore Resp: Michele Pisani

A tu per tu con il giornalista Gabriele Borzillo

“Steven Zhang ed il gruppo cinese sono stati assai chiari al momento dell’insediamento; hanno chiesto tre anni di tempo “ Questa è la frase che Gabriele Borzillo giornalista nerazzurro fino al collo ci ha dichiarato. Gabriele ha il pregio di essere tifoso ma con la consapevolezza di guardare la realtà dei fatti e non sognare acquisti che alcuni colleghi pubblicano ma che arriveranno mai. Ci dice dove lui rinforzerebbe la squadra ed in quali ruoli e che darebbe tempo a Spalletti di lavorare.

 

Come hai scoperto il calcio

– Il calcio l’ho scoperto da bambino; i miei genitori mi raccontavano che camminando per piazza Duomo, avevo un anno e poco più, davanti ad una bancarella indicai la maglietta dell’Inter. E nessuno a casa mia tifava Inter. La indossai, ho ancora una foto con quella maglietta che era più grande di me, e da allora non ho mai cambiato colori.

Come hai capito potesse essere un lavoro

– L’ho capito molti anni fa, lavorando per una piccola radio di Milano che ora non esiste più, Radio dei Navigli. Grazie a lei ho seguito tutta la stagione dell’Inter di Trapattoni, quella di Lothar, Andy, Berti e Serena, Alessandro Bianchi (un grande vero, fermato dalla sfortuna ma un Campione con la C maiuscola) e degli altri. Una bellissima avventura, insieme ad amici che ancora oggi calcano le redazioni di varie testate. Dopo qualche anno ho deciso di cambiare, di fare una nuova esperienza; ma, da qualche anno, sono tornato al primo amore, che fondamentalmente non si scorda mai per davvero e non solo per dire.

Sei un giornalista se volessi percorrere le tue orme cosa dovrei fare

– Scrivere, scrivere, scrivere. Oggi ci sono un mucchio di canali da cui poter iniziare; siti internet soprattutto, che possono formarti e renderti capace di fiutare quali sono le notizie reali e quelle tarocche. Dopodiché tantissima costanza, il non mollare, il non focalizzarsi esclusivamente su un tipo di giornalismo (nel nostro caso sportivo) ma essere in grado di poter svariare su più fronti. Pochissimi giornalisti sportivi hanno iniziato la carriera e l’hanno finita parlando solo di calcio o di sport; l’adattamento è una qualità vincente in questa professione, la passione per il conoscere ed il sapere tutto in tutti i campi, senza soffermarsi su uno, perlomeno all’inizio. Poi, col tempo, si sceglierà la strada definitiva.

Sei un interista doc come vedi la campagna acquisti sino ad ora

– Mi piace come si sta muovendo la Società. Stanno arrivando profili che servono al gruppo, non figurine inutili. Mi spiego meglio; lo scorso anno per fare colpo, Suning (malamente consigliata) decise di investire più di 70 milioni per Joao Mario e Gabriel Barbosa. Mentre la squadra necessitava di ben altre figure. Ecco, oggi questo nn sta capitando; si compra ciò che serve ed al prezzo deciso dall’Inter; quindi, finora, dovessi dare un voto direi 8.

Dove rinforzeresti la squadra nerazzurra

– Personalmente prenderei un terzino destro, un trequartista ed un attaccante in grado di portare in dote 12/15 gol da poter affiancare ad Icardi, che ha numeri mostruosi; potrà essere simpatico o meno, ma qualunque grande squadra vorrebbe avere un Icardi in campo. E non lo dico io, lo ha detto Ancelotti pochi giorni fa.

Spalletti la giudichi una buona scelta

Spalletti è un’ottima scelta, a cui deve essere dato il tempo di lavorare senza eccessivi rompimenti di palle. E’ un uomo che difficilmente sbaglia stagione, fa giocare le sue squadre a mille all’ora e negli ultimi 12 anni ha centrato la CL per dieci volte. Un biglietto da visita importante. A quanti gli contestano il fatto di aver vinto poco vorrei ricordare con chi si è dovuto confrontare il buon Luciano; con l’Inter del Mancio e di Mou, con la Juve schiacciasassi degli ultimi anni. Uomo di sostanza e grande conoscitore di calcio Spalletti.

Zhang manterrà le promesse di top players

– Zhang sta investendo e lo sta facendo intelligentemente. Io non credo arriveranno i nomi che circolano e che accendono la fantasia dei tifosi; prima bisogna portare la Società ad un fatturato che consenta l’acquisizione di calciatori abituati a guadagnare milioni e milioni di euro all’anno di ingaggio, poi Suning potrà puntare al massimo. Steven Zhang ed il gruppo cinese sono stati assai chiari al momento dell’insediamento; hanno chiesto tre anni di tempo, ne è passato uno e già qualcuno brontola. Beh, sarebbe meglio, invece di brontolare, ricordarsi cosa eravamo solo 4 o 5 anni fa, in quale patetica situazione economica ci dibattevamo. Adesso sembra che le cose funzionino meglio; bisogna avere pazienza, i risultati arriveranno.

Var, come vedi la tecnologia nel calcio

– La Var è utile, bisogna saperla applicare. tutte le innovazioni possono spaventare, all’inizio; ma coi ritmi e le polemiche di oggi giusto dotare gli arbitri di un’arma in più. Basta che poi chi va in campo non protesti ogni secondo e per ogni decisione, soprattutto quando grazie alla Var sarà contro la propria squadra.

Nazionale, la qualificazione per l’Italia

– L’Italia arriverà dietro la Spagna, a meno di imprese che ad oggi sembrano francamente improbabili. Non sono stati anni facili per chi ha guidato la Nazionale, colpita da un evidente calo tecnico. Insomma, quella attuale non è una generazione di fenomeni; di ottimi professionisti è fuori di dubbio, basti pensare al cammino dell’ultimo europeo, ma come sportivi eravamo abituati a Nazionali di ben altro spessore.

669total visits,1visits today

Commenta per primo

Lascia un commento