Viola Rock : If i have a tail

Hits: 32

Servizio di Enzo Paudice @riproduzione riservata

Tra le varie cose, l’uomo si distingue da molti esseri viventi per l’assenza dell’appendice caudale, più comunemente chiamata coda. Sebbene il suo uso possa variare da animale ad animale, la coda resta, per la gran parte degli esseri che la posseggono, uno degli strumenti fondamentali per mantenere l’equilibrio, soprattutto durante la corsa e il salto. A rimpiangerne l’assenza, sono stati recentemente i Queens of the Stone Age, nella seducente “If I have a tail”, ipotizzando che la stessa li avrebbe resi invulnerabili almeno per una notte “If I had a tail I’d own the night” (“Se avessi una coda, avrei la notte tutta per me”).

Niente di più falso. Il portierino viola, Alban Lafont, ha infatti dimostrato che si può essere “re” per una notte anche senza. In perfetto equilibrio per tutti i 90 minuti, il portiere francese è riuscito a bloccare tutte le avanzate della squadra azzurra, correndo e saltando da una parte all’altra della porta. Alla fine, le sue strepitose parate (fenomenale quella su Zelinski nel secondo tempo) sono state determinanti al fine di strappare un punto contro una delle prime della classe. Che ne dicano i Queens of the stone age, la notte è stata di Lafont anche senza coda.

Più barcollante è sembrato invece Pezzella nell’ultimo quarto d’ora del match, a causa di un problema al ginocchio. Terminate tutte le sostituzioni, Pezzella, da vero capitano, eroico come Yan McKenney (In Olanda, il cantante dei Trap Them continuò ad esibirsi nonostante si fosse letteralmente distrutto un piede) ha deciso di ritornare in campo, nonostante l’equilibrio precario ed un dolore al ginocchio che gli ha impedito anche il più semplice passaggio. Visto la differenza dei valori tra le due squadre, il pareggio è tutto sommato meritato. Grinta, cuore e spirito di squadra non sono elementi irrilevanti. Sebbene la zona Europa continui ad allontanarsi, è questa la Fiorentina che ci piace.

Stay Rock and Forza Viola
DA13

Autore dell'articolo: Enzo Paudice

Trentenne, storico dell'arte, amante della musica rock anni '60, '70 e '80 e soprattutto tifoso viola. Tutto questo per footballweb.it

Lascia un commento