Flash News
17 Dicembre 2018

Footballweb ©2014-2018 – Tutti i diritti riservati. Reg.n° 22/2016. Direttore Resp: Michele Pisani

Testa e croci

43 punti su 45 disponibili, frutto di 14 vittorie ed un solo pareggio, in casa contro il Genoa. La marcia della Juventus è inarrestabile, e non conosce nemici validi; anche l’Inter, indicata alla vigilia come forse l’unica in grado di poter farle male, cade sotto il fortino dello Stadium. 1-0 il risultato finale per la squadra di Allegri, al termine di una gara decisa dalla testa imperiosa di Mario Mandzukic, anche se in realtà molto equilibrata e ben giocata dagli ospiti.

Sì perché in modo paradossale è sembrata l’Inter stessa ad aver indirizzato -suo malgrado- la contesa. I nerazzurri nel primo tempo tengono il campo in maniera encomiabile, frutto di grande attenzione tattica e sfruttando al meglio i propri esterni offensivi, Politano e Perisic. Lo sliding-door del match però arriva alla mezz’ora, quando da un grande squillo di Politano la palla arriva ad Icardi: fantastica la sponda lavorata dal capitano interista per l’accorrente Gagliardini che, in maniera sciagurata, ciabatta la conclusione sul palo, con la porta spalancata. Eccola, la prima croce nerazzurra.

Risultati immagini per juve inter palo gagliardini


Lo Stadium -stranamente timido e silenzioso- si rende conto che questa sera l’avversario è agguerrito, e già questo segnala la direzione che l’Inter ha improntato sulla gara. Ad inizio ripresa arriva addirittura il bis: ancora Icardi serve benissimo Politano davanti a Szceszny, ma il 16 nerazzurro sbaglia tutto in fase di conclusione e grazia ancora una volta la Juventus.

La croce definitiva è ad opera di Spalletti, che in maniera inspiegabile sostituisce Politano, uno dei migliori in campo, con Borja Valero, decidendo dunque di coprirsi già al 58′, sul risultato ancora di 0-0. Da questo momento l’Inter perde l’esterno migliore che aveva, nonché l’unica arma a disposizione per far male a questa Juve che, se proprio si vuole trovarle un difetto, soffre ancora un po’ con i terzini in fase difensiva. Gli ospiti così spariscono dal campo.

Risultati immagini per juve inter mandzukic gagliardini

La discesa di Joao Cancelo (proprio lui) per la zuccata di Mandzukic è allora naturale conseguenza della direzione che Spalletti ha voluto imprimere al match; anche dopo il gol del croato l’Inter non è riucita a trovare la giusta reazione, e per la Juve è stato un gioco da ragazzi portare in salvo i tre punti.

Ci sarà molto da riflettere al termine di una gara ben giocata ma buttata l’aria da scelte ed episodi. A mancare tuttavia è il tempo, visto che martedì è in programma la decisiva sfida al PSV per andare avanti in Champions. L’umore -e la tendenza- non è dei migliori. Imperativo combattere.


225total visits,1visits today

Lasciate un vostro commento

About Nicolò Toccaceli 92 Articoli
Giornalista pubblicista di Footballweb. Si occupa dell'Inter e di Formula 1.
Contact: Website

Commenta per primo

Lascia un commento