Viola Rock: Mr Nobody

Servizio di Enzo Paudice @riproduzione riservata

Il bellissimo film di Jaco Van Dormael, Mr Nobody, interpretato da uno straordinario Jaret Leto (voce, tra l’altro, del gruppo rock Thirty seconds of the Mars), verte principalmente sul concetto di “scelta” e di come questa condiziona fortemente la nostra vita e gli eventi che viviamo. Mr Nobody è un bambino che insegue un treno, sul quale viaggia la mamma, separatasi dal marito, nonché padre del bambino, fermo alla stazione. Mr Nobody deve scegliere con chi dei due passare la sua vita, ma non sa decidersi. A complicare il tutto vi è inoltre il tempo. Essendo impossibile poter tornare indietro, egli è obbligato a compiere una scelta sebbene non sappia realmente quale sia quella giusta. (tranquilli, il film è molto più bello e complesso di quanto descritto).

Chi sa d’altronde quale sia la scelta giusta da fare? Prendete Chuck Berry. Secondo un aneddoto celebre, il vero sogno del papà della Duck Walk era infatti quello di diventare fotografo; la musica era piuttosto un mezzo di sostentamento per poter coltivare la sua vera passione. Destino pose tuttavia Chuck di fronte ad scelta, quella di dedicarsi solo ad una delle due attività. Con il senno di poi, è facile dire che Chuck fece la scelta giusta, considerando soprattutto l’eredità che questo formidabile musicista ha lasciato al genere Rock. Ciò tuttavia non implica che sia stato facile per Berry rinunciare alla sua prima e vera passione.

Arriviamo allora alla Fiorentina. Dal fantastico 7 a 1 rifilato mercoledì alla Roma all’1 a 1 rimediato alla Dacia Arena contro l’Udinese, la Viola ci lascia più dubbi che certezze. Questo altalenarsi, di risultati e di prestazioni, non ci portano ancora a comprendere del tutto quali siano realmente le aspirazioni di questa squadra, e sopratutto di questa società. Se una vittoria contro l’Udinese era d’obbligo per continuare a coltivare l’ambizione di tornare un giorno tra le squadre che contano, altrettanto d’obbligo era, al fine di raggiungere lo stesso obiettivo, il migliorare la squadra anche negli altri reparti e non solo in attacco. L’impressione è che la Fiorentina non abbia ancora fatto la sua scelta, quella decisiva: come mr Nobody, la Fiorentina insegue quel treno che può riportarla tra le grandi, ma in cuor suo non è ancora certa che si tratti della scelta giusta. Certo, come lo stesso protagonista del film afferma, “finché non si sceglie tutto è possibile”. Ma è altrettanto vero che restare ancora nel limbo dell’incertezza è paradossalmente anch’essa una scelta, certamente tra le più difficili da accettare per i tifosi.

Stay Rock and Forza Viola
DA13

Ti è piaciuto l\'articolo?

Vota da 1 a 5

risultato / 5. Numero voti

As you found this post useful...

Follow us on social media!

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

109total visits,1visits today

Lasciate un vostro commento

Lascia un commento